Debutto perfetto per Leclerc Junior: il fratello d’arte fa doppietta

Arthur Leclerc ha portato a casa il massimo risultato nella prima tappa della Formula 2 virtuale: pole position, due vittorie e due giri più veloci

Arthur Leclerc (Foto Prema)
Arthur Leclerc (Foto Prema)

Per vederlo all’esordio nella Formula 2 reale bisognerà attendere ancora qualche anno. Ma intanto Arthur Leclerc, il fratello minore del talentino della Ferrari, è stato protagonista di un debutto perfetto nella versione virtuale del campionato cadetto.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Proprio oggi, infatti, la serie ha disputato la sua prima gara simulata sul circuito digitale del Bahrein, dove Leclerc Junior è stato selezionato per il team Prema. Lo stesso del quale, alla ripresa delle competizioni vere e proprie, indosserà i panni nel campionato che lo attende in questo 2020: quello europeo di Formula Regional.

Arthur Leclerc vince tutto in Formula 2

E Arthur ha ripagato la fiducia della squadra veneta. Ha colto la pole position, ha vinto la gara-1 più lunga sulla distanza di 16 giri, dominandola con un largo vantaggio, e poi ha concluso la sua giornata ideale con un altro successo nella seconda manche sprint su cinque giri, rimontando dalla griglia di partenza invertita. Come se non bastasse, ha portato a casa anche i due giri più veloci.

“Una giornata davvero bella”, gongola il giovane monegasco. “Prima di tutto, credo che a fare la differenza nella prima gara sia stata la costanza di rendimento. Avevamo un passo davvero buono e mi sono ritrovato a comandare da solo le operazioni per tutta la gara, e questo mi ha aiutato. In gara-2 sono riuscito a non fare un incidente nei primi giri e poi mi sono divertito parecchio con i sorpassi. Spero davvero di poter correre di nuovo in questo campionato in futuro”. E, visti i risultati, c’è da scommettere che verrà richiamato molto presto.

Arthur Leclerc con il fratello Charles (Foto Lars Baron/Getty Images)
Arthur Leclerc con il fratello Charles (Foto Lars Baron/Getty Images)