MotoGP, Suppo critica Yamaha: “Poco carina con Rossi”

Livio Suppo, ex team manager Ducati e Honda, non condivide la scelta di Yamaha di aver accantonato con largo anticipo Valentino Rossi a favore di Maverick Vinales.

Livio Suppo
Livio Suppo (©Getty Images)

Livio Suppo vanta una grande esperienza in MotoGP, dove ha vinto da manager sia in Ducati che in Honda. Adesso non lavora nel Motomondiale, ma continua a guardare quello che avviene nell’ambiente che è stato il suo per tanti anni.

Intervistato da Sky Sport MotoGP, ha commentato la decisione di Yamaha di non rinnovare il contratto a Valentino Rossi. Queste le sue considerazioni: «L’ho trovato poco carino nei confronti di Vale. Capisco perché abbiano promosso Quartararo, che è un giovane con ottimo potenziale e ha fatto una stagione da esordiente incredibile. Per Vinales avrei aspettato un po’, perché è in Yamaha da tre anni e ha avuto molti alti e bassi. Avrei aspettato di vedere cosa avrebbe fatto Maverick e quindi avrei dato pure tempo a Vale di capire con calma cosa fare».

Suppo non condivide la scelta di Yamaha di estromettere Rossi dal team ufficiale per il 2021. A suo avviso, la casa di Iwata doveva attendere ed evitare anche di far rinnovare subito Maverick Vinales. Pur riconoscendo buon talento al pilota spagnolo, il manager italiano non appare del tutto convinto del suo valore.

Secondo Suppo, anche Honda non si è comportata benissimo. Il riferimento è alla situazione di Alex Marquez: «Fossi rimasto nel team, io al posto di Lorenzo avrei preso Mir. Quando hai Marc, puoi permetterti di scommettere su un giovane. Alex è un bicampione del mondo, ma ha la sfortuna di fare Marquez di cognome. Inevitabilmente lo paragoneranno coi risultati del fratello. A lui serve un po’ di tempo per adattarsi alla categoria, lo abbiamo visto anche in Moto2. Se capisco il contratto quadriennale di Marc, invece io non avrei mai fatto un contratto annuale ad Alex. È una mancanza di rispetto nei suoi confronti. È proprio sbagliato, perché un pilota va messo nella condizione di stare tranquillo e lui avrà anche una pressione maggiore».

LEGGI ANCHE -> MOTOGP 2020, PROBABILE LUOGO E DATA DI INIZIO DEL CAMPIONATO

L'ex team principal della Honda, Livio Suppo (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
L’ex team principal della Honda, Livio Suppo (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)