Herve Poncharal guarda con maggior ottimismo all’inizio della stagione MotoGP 2020. Si potrebbe riprendere dallo Spielberg o da Brno.

Hervé Poncharal (Getty Images)

Hervé Poncharal, proprietario del team Tech3 e presidente Irta, guarda con maggiore ottimismo ad una ripresa del Motomondiale. I 42 team delle tre classi non vedono l’ora che arrivi un futuro più certo, un calendario sicuro, una data per vedere finalmente il semaforo verde.

Le misure di allentamento al lockdown stanno entrando in vigore in tutti i paesi europei, anche in quelli più colpiti come l’Italia, la Spagna e la Gran Bretagna, il picco dell’ondata di infezioni sembra essere finito. In Italia si sono registrati 1872 nuovi casi di infezione al 30 aprile, un livello così basso non si vedeva dal 9 marzo. E il numero di morti è sceso a 285. Il giorno peggiore in Italia è stato il 27 marzo, con non meno di 919 vittime. “Se la Formula 1 vuole guidare in Austria il 5 luglio, non vedo alcun motivo per cui non possiamo farlo con la MotoGP alla fine di luglio o ad agosto”, ha detto Poncharal a Speedweek.com.

Leggi anche -> Tito Rabat: “L’arrivo di Zarco è una grande opportunità per me”

Le prime decisioni sulla stagione 2020

Non solo porte chiuse e personale ridotto al minimo indispensabile, ma anche test costanti sui membri di ogni team In Austria e Repubblica Ceca l’epidemia ha causato pochi danno e c’è ottimismo nel vedere in scena il Motomondiale in queste due nazioni. “Due gare per classe sulla stessa pista sono un’opzione che consideriamo molto probabile”, ha sottolineato Herve Poncharal. “Alcune persone vorrebbero partecipare alle gare di domenica e mercoledì, altre vorrebbero domenica, poi qualche giorno di riposo, domenica la prossima gara sulla stessa pista. Finora non c’è chiarezza. Il mio parere personale: preferisco la soluzione con gare di domenica e la domenica successiva. Quindi i piloti hanno una breve pausa, così come i team. Ma manca ancora un accordo”.

Il CEO di Dorna Carmelo Ezpeleta si aspetta attualmente 1600 persone nel paddock, Poncharal vuole spingere il numero a 1100 o anche meno. Ai team verranno assegnati 725 biglietti: 25 per ciascun team privato della MotoGP, 40 per i team di fabbrica, dodici per i team a due piloti nelle classi Moto2 e Moto3. Avintia-KTM è l’unica squadra del campionato mondiale Moto3 con un solo pilota. “Non riesco a prevedere come continueranno i tassi di infezione e che cosa prescriveranno i governi. Se le persone restano sensibili ovunque e rispettano le regole, potremmo essere in grado di provare una sorpresa positiva. Come in Austria. Ma può anche succedere che in alcuni paesi il prossimo blocco arriverà tra due mesi… L’unico paese che sarà presto in grado di gestire un GP è l’Austria. Possiamo anche dare un’occhiata più da vicino a Brno. La situazione sembra buona lì. Carmelo Ezpeleta si occupa del calendario, ha la programmazione sotto controllo”.

Herve Poncharal
Herve Poncharal (getty images)