MotoGP, Razali: “Aspetto almeno un WhatsApp da Valentino Rossi”

Razlan Razali, team principal del team Petronas SRT, parla del contratto di Valentino Rossi. Per la squadra malese ci sarà un grande ritorno d’immagine.

Razlan Razali (getty images)

Fra il team Petronas SRT e Valentino Rossi ad oggi non c’è stato nessun contatto. Razlan Razali ha assicurato di non aver ancora scambiato alcun messaggio con il pilota di Tavullia e di non conoscere nessun dettaglio del possibile accordo.

Ingaggio e moto dovrebbero essere pagati dal team factory, ma ci sarà molto su cui discutere. “Controllo quotidianamente il mio telefono e finora non ho visto nulla. Spero almeno che Valentino mi invii un WhatsApp o qualcosa del genere” , scherza Razlan Razali a Crash.net. “Per ora niente. Se succede, è qualcosa che sicuramente analizzeremo, non è qualcosa che ignoreremo. È un campione del mondo nove volte e ha un peso enorme in termini di marketing ed esposizione mediatica”.

Il Dottore pronto per il team satellite

Il Team Principal Petronas è consapevole che un nome come Valentino Rossi possa portare grandi benefici commerciali al suo team satellite. Ma prima di prendere una decisione devono sapere quali sono i pro e i contro del contratto, dal momento che Yamaha intende fornire al nove volte iridato una M1 ufficiale, ed è anche necessario discutere di chi pagherebbe lo stipendio milionario. Bisogna mettere nero su bianco quanto prima per pianificare il 2021. “Dobbiamo capire come sarà l’accordo, vedere i pro e i contro. Dobbiamo capire cosa vuole”, conclude Razlan Razali.

Leggi anche -> MotoGP, Lorenzo crede in Rossi: “Può vincere il decimo titolo”

Per il momento Valentino Rossi ha chiarito di voler rinnovare almeno per un anno, forse l’ultimo, dato che non sarebbe bello chiudere una carriera prestigiosa come la sua con una stagione annullata o abbreviata. Appena sarà possibile si decideranno tutti i dettagli dell’accordo. Al suo fianco nel box ci sarà il suo allievo e amico Franco Morbidelli.

Johan Stigefelt e Razlan Razali
Johan Stigefelt e Razlan Razali (getty images)