MotoGP, Cal Crutchlow: “Nessun problema di motivazione”

Cal Crutchlow affronta questa quarantena con qualche difficoltà, ma non si sconforta: “Non ho problemi di motivazione”.

Cal Crutchlow MotoGP
Cal Crutchlow (Getty Images)

Cal Crutchlow è in California con la sua famiglia, qui passa gran parte della sua vita libera. Resta qui in attesa di sapere cosa ne sarà del Motomondiale 2020, in una situazione non facile per qualsiasi pilota. “Fortunatamente, non ho mai avuto problemi di motivazione”, ha detto il pilota LCR. Allenarsi senza conoscere una data di inizio non è troppo stimolante. “Mentirei se dicessi che sarebbe facile, perché è difficile per qualsiasi atleta professionista non seguire un piano”.

Crutchlow sa però che pandemia di Coronavirus non sta causando problemi solo al mondo dei motorsport. “Naturalmente, anche altre persone devono pensare a quando tornare al lavoro, o forse pensare alle date del loro matrimonio o ad altri eventi che hanno pianificato. Ma per noi atleti, la vita è costruita attorno al programma del Mondiale e ora manca”, riporta Speedweek.com. “Dobbiamo adattarci e fare ciò che è meglio per noi, ma anche ciò che è meglio per tutti gli altri”.

Gli altri interessi di Cal

Non sapere se e quando il Mondiale avrà inizio non demotiva Cal Crutchlow che di recente ha confermato di voler proseguire l’avventura in MotoGP. Anche a costo di dover cambiare costruttore. “E’ difficile non sapere quando potremo ricominciare a correre, ma per fortuna non ho mai avuto problemi di motivazione, quindi non mi aspetto preoccupazioni quando ricomincerà. Altri avranno più problemi, ma lo faccio da così tanti anni, quindi sono in una situazione diversa rispetto ai ragazzi più giovani”, ha aggiunto il pilota LCR Honda.

La vita in pista non è tutto per Cal: “Ho Lucy e Willow e abbiamo una normale vita familiare. Quindi ho le mie responsabilità familiari e anche alcune questioni di business – molte che vanno oltre le moto – e in questo senso sono anche estremamente fortunato”.

Leggi anche -> Carmelo Ezpeleta ottimista: “Campionato da luglio a novembre”

La Honda di Cal Crutchlow nei test MotoGP in Qatar (Foto Lcr)
La Honda di Cal Crutchlow nei test MotoGP in Qatar (Foto Lcr)