Alex Lowes è convinto che l’approdo nel team Kawasaki possa permettergli di conquistare il titolo Superbike, anche se deve prima battere Jonathan Rea.

Alex Lowes SBK
Alex Lowes (getty images)

Alex Lowes per il 2020 si è guadagnato la chance di guidare nel team ufficiale Kawasaki con il campione in carica Jonathan Rea. Un’occasione che vuole sfruttare per dimostrare di poter vincere il titolo mondiale Superbike.

A Phillip Island ha cominciato alla grande con una vittoria, un secondo posto e una quarta posizione che lo hanno catapultato in testa alla classifica generale. L’ex pilota Yamaha si è trovato subito bene in sella alla ZX-10RR e spera di avere conferme nei prossimi round, appena il campionato SBK riprenderà.

LEGGI ANCHE -> Superbike, van der Mark: “Devo stare attento a Razgatlioglu”

Superbike, Lowes contento in Kawasaki

Lowes in un’intervista concessa Racer ha speso buone parole per Rea e per il team Kawasaki: “Sono sempre andato d’accordo con Johnny. Non si può dire nulla sui suoi risultati, è un ragazzo da battere. Il team è fantastico e se Johnny e io andiamo d’accordo, tutto è molto più facile e migliore per tutti. Le dinamiche nel team sono state davvero buone. Finora è stato molto divertente”.

Un inizio positivo per il pilota inglese, che ha trovato un buon feeling sia con la squadra che con la sua Ninja ZX-10RR: “Mi sono sentito bene sulla moto durante tutti i test invernali. In Australia, ho lavorato molto duramente durante le prove con gomme usate per essere veloci alla fine della gara a Philip Island. Il lavoro è stato ripagato. Con Marcel, il mio capo-tecnico, abbiamo lavorato bene ed è stato bello ottenere un paio di podi e la prima vittoria all’inizio della stagione. Mi sono tolto tutto questo dalla schiena adesso e posso godermelo quando torniamo di nuovo a correre. Cercherò di essere il più costante possibile e voglio lottare per ottenere più vittorie ogni fine settimana”.

Lowes non nasconde il desiderio di diventare campione del mondo Superbike: “Sì, questo è il mio obiettivo e il mio sogno. Ed è uno dei motivi per cui volevo unirmi al team Kawasaki. Volevo andare contro Jonathan sulla stessa moto. Sì, credo di poter essere campione del mondo. Ho ancora molto da imparare e molto da migliorare, ma con questi ragazzi so di poterlo fare. Si tratterà di essere paziente e capire che sarà ancora il mio primo anno sulla Kawasaki. La convinzione è lì. La motivazione è lì”.

Alex Lowes Superbike
Alex Lowes (getty images)