“Kubica è un bugiardo”. La pesante accusa dell’ex compagno

0
405

Nick Heidfeld entra a gamba tesa nei confronti dell’ex compagno di squadra Robert Kubica accusandolo di aver raccontato bugie alla stampa.

Robert Kubica ai box della Alfa Romeo nei test F1 di Barcellona (Foto Charles Coates/Getty Images)
Robert Kubica ai box della Alfa Romeo nei test F1 di Barcellona (Foto Charles Coates/Getty Images)

Che tra i due non corresse buon sangue non è una novità. Chi segue la F1 da tempo ricorderà come la convivenza tra il biondo di Mönchengladbach e lo spilungone di Cracovia ai tempi della Sauber, in quel momento di proprietà della BMW, non sia stata delle più rilassate. Il motivo della tensione tra i due, il presunto favoritismo nei confronti del cocco di casa. Nulla di anomalo per chi conosce il polacco da sempre vittima della sindrome del penalizzato e costantemente immerso nell’ansia di essere sabotato.

In effetti in quel lontano 2008 Kubica, vincitore in Canada, avrebbe potuto lottare fino alla fine per il titolo iridato, ed invece per qualche oscura ragione la scuderia di Hinwil decise di abbandonare lo sviluppo della monoposto per dedicarsi a quella dell’anno successivo scivolando così in fondo al gruppo e dando quindi adito al sorgere di dubbi e ipotesi di complottismo.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

A questo proposito sul podcast  Beyond The Grid Heidfeld ha dichiarato: “Quello che non mi piaceva di Robert è che pensava sempre che il team mi favorisse, perché entrambi tedeschi”. Ad infastidire maggiormente Nick sarebbe però stata la piangeria del 35enne a favore di telecamere: “Spesso diceva queste cose alla stampa sostenendo che io potevo usufruire del materiale migliore, il che era una bugia”.

Questioni caratteriali e dissapori vari a parte, il 42enne ha comunque avuto parole di elogio nei confronti del collega: “Ho diviso il box con lui per tre stagioni e lo reputo il pilota più completo che ho avuto vicino. Non era veloce come Raikkonen in gara o come Webber in qualifica, ma nel complesso era davvero il più forte”.

Nick Heidfeld (Foto Lat Images/Formula E)
Nick Heidfeld (Foto Lat Images/Formula E)

Chiara Rainis