MotoGP, il manager di Dovizioso: “Ducati ha bisogno di Andrea”

Simone Battistella, manager di Andrea Dovizioso, è convinto che Ducati abbia bisogno di confermare il pilota forlivese anche per il futuro.

Andrea Dovizioso ai box Ducati nei test MotoGP in Qatar
Andrea Dovizioso ai box Ducati nei test MotoGP in Qatar (Foto Ducati)

Honda, Yamaha e Suzuki hanno già fatto le proprie mosse per quanto riguarda il mercato piloti MotoGP. Ci sono stati rinnovi di contratto come quelli di Marc Marquez, Maverick Vinales e Alex Rins più la promozione di Fabio Quartararo. Invece, in casa Ducati è tutto fermo.

A Borgo Panigale devono ancor decidere se confermare la coppia composta da Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci oppure se cambiare qualcosa. Quello più a rischio è senza dubbio Petrux, che nel 2019 non ha pienamente convinto. Ma anche Dovi sta facendo le proprie riflessioni sul futuro.

LEGGI ANCHE -> MotoGP, Rins: “Ho rinnovato con Suzuki per due motivi”

MotoGP, parla il manager di Andrea Dovizioso

Simone Battistella, manager di Dovizioso, in un’intervista concessa al quotidiano spagnolo AS ha commentato la situazione attuale: “La Ducati ha bisogno di Dovizioso più di Dovizioso della Ducati. E non è un bisogno unico di un pilota, ma anche di un progetto tecnico. Andrea vuole continuare a correre, naturalmente, ma non sta ancora facendo nulla perché vuole vedere come vengono sviluppati i diversi progetti. La cosa più importante per lui quando si prende una decisione è il progetto e lo staff“.

Le trattative partiranno solamente più avanti e il manager del pilota forlivese risponde anche ad alcune voci circolate nelle settimane scorse: “Non gli dà fastidio che Ducati abbia cercato di ingaggiare piloti come Vinales o Quartararo e di essere sempre attenta a ciò che fa Márquez. Non gli aveva dato fastidio neanche l’arrivo di Lorenzo o altri. Inoltre, capisce che la sua fabbrica deve stare attenta ai giovani”.

Battistella ha confermato che ci sono stati momenti complicati tra Dovizioso e Gigi Dall’Igna, direttore generale di Ducati Corse: “È vero che c’è stata una tensione tra Andrea e Gigi, ma è una tensione professionale e che ha contribuito a migliorare il progetto. La priorità di entrambi non è imporre la propria volontà, ma vincere, entrambi vogliono farlo”.

Infine il manager di Dovizioso ha risposto sul rinnovo quadriennale di Marc Marquez con Honda, che ha stupito molti: “Non mi ha sorpreso perché Márquez ha vinto tutto con la Honda, battendo record, e questa è la fabbrica più vittoriosa nella storia del campionato. Márc ha valutato i pro e i contro e Honda si assicura di mantenerlo per quasi tutta la sua carriera, perché avrà 32 anni al termine del contratto. Ciò che non si sa è se avesse davvero la possibilità di cambiare la fabbrica”.

Il direttore generale Gigi Dall'Igna con i piloti Andrea Dovizioso, Danilo Petrucci e Michele Pirro e l'amministratore delegato Claudio Domenicali (Foto Ducati)
Il direttore generale Gigi Dall’Igna con i piloti Andrea Dovizioso, Danilo Petrucci e Michele Pirro e l’amministratore delegato Claudio Domenicali (Foto Ducati)