La F1 post Coronavirus non sarà più solo Hamilton. La previsione dell’ex

0
88

Il Coronavirus potrebbe rappresentare uno spartiacque sportivo in F1 e decretare la fine dell’era Mercedes. Kubica rivela il suo pensiero.

Come sarà il mondiale 2020 di F1 resta un mistero. Anzi, a dirla tutta non si sa neppure se ne esisterà uno. Ma, considerato lo scenario imprevedibile che si sta delineando a livello mondiale, qualora dovesse svolgersi regolarmente seppur con un numero limitato di gare, potrebbe regalarci qualche colpo di scena, a partire dal vincitore finale.

In molti, approfittando di condizioni anomale, potrebbero cercare di fare il colpaccio ai danni di Lewis Hamilton, mattatore assoluto dall’uscita di scena di Rosberg a fine 2016. Su tutti Sebastian Vettel che, probabilmente, con il sogno iridato in mente, spinge perché anche con pochissimi round la corona venga ugualmente assegnata.

Come lui però, altri due nomi, potrebbero scrivere la parola fine all’epoca dominante delle Frecce d’Argento. Uno di questi è Verstappen, in crescita sportivamente e umanamente nell’ultimo anno e dunque candidato di primo piano per la conquista del sigillo più importante.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

A questo proposito si è espresso anche Robert Kubica il quale ha voluto sottolineare le capacità dell’ olandese della Red Bull, spesso vittima di feroci critiche da parte di stampa e tifosi. “Max ormai è forte sotto ogni punto di vista”, ha affermato ad Autosprint. “Personalmente non sono d’accordo con chi lo biasima per la sua irruenza.  Al contrario punterei su di lui come nuovo campione del mondo”.

A dare fastidio al #33, sempre secondo il driver di riserva dell’Alfa Romeo, potrebbe invece esserci Charles Leclerc. “Chi è rimasto sorpreso dalla sua progressione nel 2019 non ne capisce molto di piloti”, ha sentenziato. “Uno come lui era ovvio che mettesse in difficoltà anche un quattro volte iridato come Seb. In fin dei conti stava per vincere un GP già alla sua seconda apparizione con il Cavallino”.

Chissà che non abbia ragione il polacco e che il campionato che prenderà il via, se tutto va bene dalla prossima estate, non ci presenti una battaglia piuttosto diversa da quella a cui eravamo ormai abituati.

Lewis Hamilton (Foto Charles Coates/Getty Images)
Lewis Hamilton (Foto Charles Coates/Getty Images)

Chiara Rainis