Danilo Petrucci: “Voglio il rinnovo. Devo tutto alla Ducati”

Danilo Petrucci ha rimarcato di voler a tutti i costi proseguire la propria carriera in Ducati squadra alla quale deve tutto.

MotoGP - Danilo Petrucci (Getty Images)
MotoGP – Danilo Petrucci (Getty Images)

Danilo Petrucci nel 2019 è finalmente arrivato a realizzare il suo sogno di correre con il team Ducati ufficiale. Il rider di Terni è riuscito a cogliere il suo primo successo in carriera al Mugello e ha disputato, numeri alla mano, la migliore stagione della sua carriera con 176 punti ottenuti e il 6° posto nel Mondiale.

I suoi risultati in Ducati però non sono sempre stati soddisfacenti ed è proprio per questo che Petrucci dovrà guadagnarsi a suon di buone prestazioni il proprio rinnovo con la casa di Borgo Panigale per altri due anni.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Petrucci: “Ho cominciato da piccolo con la Ducati”

Durante un’intervista a Sky Sport, Danilo Petrucci ha così raccontato: “Il sogno di ogni pilota italiano è quello correre con moto italiana nella classe regina. Io ho cominciato ad andare in pista con una Ducati, quando ero più piccolo. Questa è stata una lunghissima storia, che vorrei potesse continuare per tanto. Nel 2011 mi fecero provare una Panigale e con il team sviluppo imparai davvero tantissimo”.

Il rider italiano ha poi proseguito: “La Ducati mi ha permesso di arrivare in MotoGP. Ho debuttato in un altro team che non era legato a loro, ma mi diedero il permesso nel 2012 di provare la moto di Valentino al Mugello e anche quella fu una grandissima esperienza. Nel 2014 poi mi chiamò Francesco Guidotti per correre nel team Pramac e non volli nemmeno sapere i termini del contratto. Appena mi hanno chiamato ho risposto si. A quel punto ho cercato di arrivare nel team ufficiale. Ci ho messo degli anni però ce l’ho fatta”.

Infine sul discorso legato al proprio rinnovo ha così concluso: “Bisogna lottare per il rinnovo, il mio primo obiettivo è quello di restare nella Ducati ufficiale”.

Antonio Russo

Danilo Petrucci (Getty Images)
Danilo Petrucci (Getty Images)