Herve Poncharal: “Fortunati i piloti che hanno già firmato il contratto”

Herve Poncharal ritiene fortunati Vinales, Quartararo e Marquez per aver firmato i contratti prima dell’epidemia. Tutti i rinnovi saranno rivisti al ribasso.

Hervé Poncharal (Getty Images)

Prima che si scatenasse l’epidemia di Coronavirus che ha interrotto il Mondiale, tre piloti avevano già firmato il contratto per il prossimo biennio. Un colpo di fortuna, dal momento che hanno rinnovato a cifre sicuramente vantaggiose. Perché i contratti che saranno stabiliti quest’anno non potranno rinnovarsi a simili cifre.

Hervé Poncharal è il presidente IRTA e boss del team satellite Tech3 e sa bene come sarà difficile dover rivalutare tutti gli ingaggi al ribasso. “Se questa fosse una stagione normale, saremmo stati sicuramente nel vivo della battaglia del mercato piloti – ha detto a Speedweek.com -. Ma ora è importante prenderti il ​​tuo tempo. Molti team e piloti volevano vedere come sarebbero andate le prime quattro o cinque gare prima di decidere come procedere. Ma non abbiamo ancora corso e non abbiamo ancora visto nulla”.

Leggi anche -> MotoGP, Quartararo festeggia il compleanno con un nuovo look

L’affare rinnovi in casa Yamaha

Cosa succede ai contratti già firmati da Maverick Vinales e Fabio Quartararo con Yamaha e da Marc Marquez con Honda? Verranno rispettati, anche se non è da escludere che alcuni dettagli andranno rivisti alla luce di quanto sta accadendo a livello internazionale. “Forse ci saranno dei colloqui tra i loro manager e i produttori che li hanno registrati. Ma hanno contratti firmati da entrambe le parti, che sono documenti vincolanti e validi”. E cosa accadrà ai piloti che dovranno firmare per il 2021 e 2022? “Non ne ho idea”, ha spiegato Herve Poncharal. “I piloti parleranno con team e produttori che devono affrontare problemi che sono maggiori delle corse, vale a dire come garantire che la loro azienda non collassi, almeno in alcuni casi. Le grandi aziende come Honda e Yamaha saranno in una posizione migliore”.

Discorso differente per KTM, Ducati e Aprilia. Qualora la stagione 2020 venisse annullata ci sarebbero dei chiarimenti da prendere in Yamaha. Razlan Razali, boss del team Petronas SRT, aveva affermato di considerare nullo il contratto di Quartararo con il team factory, mentre Maio Meregalli ha ribadito che i contratti firmati vanno rispettati. Una situazione difficile per il suo giovane connazionale e il team malese. “Da un lato, Fabio ha firmato un contratto per unirsi al team ufficiale, qualcosa che sognava e un affare siglato. Non gli ho parlato, ma sono sicuro che vuole andarci. Riesco a capire anche la frustrazione di Razlan perché ha investito in una moto full factory per il 2020 e sono sicuro che abbia la sensazione di essere pronto per una stagione incredibile: forse vincere le gare e forse anche il Mondiale. Tutto era possibile sulla carta. Ora potrebbe perdere questi ingredienti e affrontare un 2021 incerto perché potrebbe non avere più il budget per una moto di fabbrica e non sa quale pilota ci sarà”.

Herve Poncharal (getty images)