MXGP, Jeffrey Herlings: il segreto del successo è nell’allenamento

Jeffrey Herlings racconta la sua settimana tipo di allenamenti. Il campione di motocross svela alcuni segreti del suo grande successo.

Jeffrey Herlings

Jeffrey Herlings ha iniziato la stagione MXGP con due vittorie su quattro e la testa della classifica, prima che la pandemia di Coronavirus interrompesse il campionato. Nel 2018 ha vinto il titolo mondiale nella massima serie vincendo 17 dei 19 round disputati e lasciando intendere al mondo del motocross che l’olandese sarà un indiscusso protagonista per molto tempo. Ma dal 2019 ha trovato in Tim Gajser il suo diretto avversario.

Nel 2019 ha dovuto fare i conti con due infortuni che hanno limitato il suo tempo in pista e reso impossibile l’assalto al mondiale. Il segreto del suo successo sta negli allenamenti. Il lunedì è dedicato alla bicicletta. “Pedalo anche dopo una gara difficile come Lommel. Sarà una tour di recupero di un’ora e mezza, solo per muovere le gambe e prepararmi per martedì. Sono sempre in viaggio e di solito è estate quando la stagione è iniziata, quindi da marzo a ottobre di solito esco. Quando è dicembre e -3 fuori sul termometro, allora sarò dentro! Adoro andare in bicicletta. L’Olanda fa davvero bene. Non abbiamo molte colline su e giù, ma ci sono corsie dedicate e molte varianti. È utile allenarsi e mantenere alta la frequenza cardiaca media”.

Il martedì allenamento in moto, solitamente su uno dei cinque o sei tracciato che sfrutta nel corso dell’anno. “Preferisco allenarmi dalle 9 alle 12, tornare a casa e pranzare e fare un po’ di più in bicicletta, in mountain bike o canottaggio”. Il mercoledì segue il programma del giorno precedente. Giovedì in palestra al mattino e al pomeriggio in bici. “Uso molto la bicicletta perché non riesco a correre! Il mio piede non ha più quella flessibilità; quando comincio a correre, compenso con i fianchi e la schiena che porta ad altri dolori! Posso fare molte altre cose – nuoto, cross-training, canottaggio – ma correre è difficile”. Venerdì è quasi un giorno libero, soprattutto se c’è un week-end di gara.

In questi giorni di restrizioni domiciliari Jeffrey Herlings deve adattarsi. “Eravamo nel sud della Francia e ci preparavamo per l’Argentina, ma quando siamo tornati a casa tutto è “esploso”, con i binari chiusi e le frontiere chiuse. Sembra che la nostra stagione sia stata appena prolungata di due mesi e, onestamente, non vorrei finire in un ospedale con una clavicola rotta in questo momento. Correremo fino a novembre e questo significa un anno intero di allenamento”.