Secondo Carlo Pernat Marc Marquez sarebbe stato fortunato a firmare il proprio contratto multi-milionario prima dell’inizio della pandemia.

MotoGP - Marc Marquez (Getty Images)
MotoGP – Marc Marquez (Getty Images)

Il coronavirus ha letteralmente paralizzato la MotoGP. Oggi, infatti, non si conosce ancora la data di inizio del campionato e i Gran Premi saltano giorno dopo giorno. La crisi economica già in atto sta inevitabilmente colpendo anche il Motomondiale, che potrebbe perdere qualche piccolo team della Moto2 e della Moto3.

Naturalmente tutto questo porterà dei risvolti economici anche per i top team che non potranno più offrire cifre clamorose ai propri piloti. Sfortunatamente per i rider, infatti, quasi tutti sono in scadenza a fine stagione e a questo punto non potranno più avere le pretese economiche che avrebbero avuto invece nel periodo pre-coronavirus.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Pernat: “10 e lode alla Dorna”

Durante una video-intervista con “Moto.it”, Carlo Pernat ha così affermato: “L’affare è stato fatto da chi ha già firmato come Marquez che ha un contratto da 50 milioni di euro circa spalmati in 4 anni. Oggi non potrebbe più firmare un contratto così. Anche Vinales e Quartararo hanno un vantaggio in tal senso perché gli altri avranno dei problemi a strappare cifre esose”.

Il manager genovese si è anche complimentato con chi gestisce da anni il circus: “Devo dare 10 e lode alla Dorna, l’unica organizzazione dei grandi sport che ha dimostrato di tenere a piloti e team. Ha distribuito dei soldi. Per ora le squadre possono respirare, poi il problema sarà se si corre o meno. Io sono per il correre anche pochi GP a porte chiuse. I piloti saranno i primi a pagare questa situazione perché le squadre cercheranno di salvaguardare lo stipendio dei meccanici”.

Antonio Russo

Marc Marquez (Getty Images)
Marc Marquez (Getty Images)