Motomondiale, Herve Poncharal: “Dorna non è una banca”

0
47

Herve Poncharal parla delle difficoltà economiche che la MotoGP sta vivendo. Al termini della crisi sanitaria avremo scenari imprevedibili.

Herve Poncharal
Hervé Poncharal (Getty Images)

Hervé Poncharal, capo della Red Bull KTM Tech3 e presidente dell’IRTA, fa un primo bilancio delle stagioni MotoGP 2020 e 2021. L’emergenza Coronavirus si riscoprirà ben presto anche crisi finanziaria oltre che sanitaria, un problema con cui tutti i team dovranno presto fare i conti.

Finora Dorna è intervenuta in aiuto dei team satelliti con una copertura delle spese minime fino a giugno, ma se la stagione dovesse restare ferma, come probabile che avvenga, dovrà versare altri soldi nelle casse dei team privati. In un’intervista esclusiva con TheRace.com, Poncharal ha raccontato come si è intervenuti per dare questo primo sostegno: “Da prima del fine settimana in Qatar e da allora, sono stato in costante comunicazione con il CEO di Dorna Carmelo Ezpeleta, suo figlio Carlos, anche con il fondatore Mike Trimby all’IRTA. Abbiamo fatto del nostro meglio per trovare soluzioni, ma ovviamente, poiché la situazione mondiale si deteriora quasi giorno dopo giorno, i nostri piani sono stati invalidati solo pochi giorni dopo averli realizzati”.

Leggi anche -> Paolo Ciabatti: “Siamo impreparati davanti a certi scenari”

I piani per il futuro sono da rivedere

Lo stop al Mondiale sta causando non pochi problemi economici all’intero ambient Sarà difficile fronteggiare un campionato annullato. “Sfortunatamente, non abbiamo più risorse finanziarie, perché la maggior parte dei nostri soldi proviene da sponsor e molte di quelle aziende stanno lottando tanto quanto noi”. Per questo motivo, Dorna e IRTA stanno cercando di intervenire per non mandare tutto in fumo e pregiudicare anche il 2021. Ma Herve Poncharal tiene a precisare: “Dobbiamo ricordare che Dorna non è una banca. Alcune squadre vengono da me e dicono “Dorna deve aiutarci”, ma in sostanza sono anche una squadra, solo su una scala più ampia. Così invece abbiamo parlato con i suoi proprietari, Bridgepoint Capital… Sono i soldi che appartengono alle squadre, ma siamo orgogliosi di averli restituiti ora”.

Di certo al termine dell’emergenza Covid ci troveremo dinanzi ad una situazione ben diversa da quella del passato: “Dovremo affrontare un ambiente economico diverso e dovremo trovare un modo per adattarci. Abbiamo alcune idee su altri modi per ridurre i costi e per tutto il 2021 dovremo continuare a lavorarci”.

Herve Poncharal (getty images)