Il boss della Dorna non guarda solo alla stagione 2020, ma anche alla prossima. I 20 GP sono a rischio e alcuni Stati potrebbero dire no ai GP.

Carmelo Ezpeleta (Getty Images)
Carmelo Ezpeleta (Getty Images)

Dorna e i team GP sono pronti per un possibile inizio tra fine agosto e inizio autunno. Sicuramente assisteremo a meno gare, ma ancora nessuno può prevedere quante gare e se si correrà nella stagione 2020. Intanto si sta già pensando al Mondiale 2021, quando probabilmente ci saranno meno gare per puntare ad una riduzione dei costi.

Dorna deve prepararsi alla peggiore ipotesi che nel 2020 non sarà possibile disputare nessun Gran Premio e le squadre perderanno i loro introiti. Ecco perché ai sei team privati ​​della MotoGP sono già stati promessi 250.000 euro al mese. “Diamo soldi ai team in modo che possano pagare i costi di gestione, vale a dire gli affitti, i canoni di leasing, i salari per i tecnici e i meccanici e altre persone che vivono nei team”, ha spiegato il CEO della Dorna Carmelo Ezpeleta a Speedweek.com. “Altrimenti questi professionisti scompariranno e quindi nessuno sarà disponibile al riavvio.”

I provvedimenti della Dorna

Si discute di riduzione del numero dei membri dei team. I piloti della Moto3 potrebbero doversi accontentare di due meccanici ciascuno, i piloti della Moto2 con tre e gli eroi della MotoGP con quattro ciascuno. Ma si pensa anche al futuro, perché “il mondo sarà diverso dopo questa crisi”, ha sottolineato Ezpeleta. I produttori di motociclette prevedono un drastico calo delle vendite. Quindi motore e aerodinamica congelati fino alla fine del 2021 non bastano. È abbastanza ipotizzabile che 20 Grand Prix non saranno in calendario nel 2021 perché ci sono priorità diverse in alcuni paesi.

“Sì, può succedere se alcuni governi non ci consentono di entrare”, ha detto il boss della Dorna. “In linea di massima, gran parte dei circuiti o dei singoli eventi GP sono supportati dai governi. E quindi alcune nazioni potrebbero non aprire i confini o tutti i viaggiatori dovranno restare in quarantena per 14 giorni”. Inoltre molti dei finanziatori dei GP potrebbero investire in assistenza sanitaria piuttosto che in eventi sportivi. Il governo australiano, ad esempio, avrebbe intenzione di bandire ogni grande evento fino alla fine del 2021…

Leggi anche -> Valentino Rossi: “Rispettiamo le regole per tornare alla normalità”

Ezpeleta e Marquez (Getty Images)
Ezpeleta e Marquez (Getty Images)