Con l’economia mondiale a rotoli anche le scuderie di F1 rischiano il default e il boss Alpha Tauri lancia un allarme preoccupante.

La AlphaTauri AT01 svolge lo shakedown a Misano Adriatico (Foto dal profilo Twitter ufficiale della AlphaTauri)
La AlphaTauri AT01 svolge lo shakedown a Misano Adriatico (Foto dal profilo Twitter ufficiale della AlphaTauri)

La sensazione ormai diffusa è che il Coronavirus farà più vittime a livello finanziario, che sanitario. Infatti, se il milione e mezzo di morti sparsi in tutto il mondo non può non suscitare paura e angoscia, il volto del futuro sembra ancor peggiore. Lo sanno bene quelli che vivono e lavorano in un contesto dorato e in apparenza inattaccabile come come il Circus, a cui è bastato un semplice microbo per crollare, per smarrire ogni certezza.

Da giorni, oramai, riportiamo il grido di allarme, la preoccupazione di chi della velocità ne ha fatto una professione a diversi livelli.

Sebbene nelle scorse ore si sia deciso di abbassare ulteriormente i costi legati alle monoposto, il timore è che se non si tornerà in pista a breve, l’intera serie sparirà sommersa dai debiti. Non lo ha nascosto Franz Tost, il quale ha esortato tutto il movimento a seguire una sola ed univoca direzione.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

“Se restiamo uniti potremmo uscirne rafforzati da questa crisi”, il pensiero dell’austriaco riportato da F1i.com. “Adesso sarà necessario capire quanti GP si possono organizzare, a quali entrate rinunciare, oltre al comportamento degli sponsor. Dovremo adottare un approccio pragmatico”

“E’ chiaro che se il campionato non dovesse partire entro luglio, le cose diventeranno difficili. Se Liberty non ci pagherà almeno una parte del premio monetario non potremo più mantenere operative le squadre”, il monito da prendere seriamente. “Chi detiene i diritti commerciali dovrà senz’altro contribuire per salvare i team, un po’ come ha già anticipato la DORNA nel motomondiale anche qualora non si disputasse neppure una gara”, ha concluso il dirigente.

La W11 in pista nei test F1 di Barcellona (Foto Lat Images/Mercedes)
La W11 in pista nei test F1 di Barcellona (Foto Lat Images/Mercedes)

Chiara Rainis