Pecco Bagnaia: “Voglio essere più veloce della Ducati ufficiale”

0
66

Pecco Bagnaia traccia obiettivi della stagione 2020 e parla di Fabio Quartararo: “Ha fatto qualcosa d’incredibile, ma Yamaha moto più facile”.

Pecco Bagnaia (Foto Pramac)
Pecco Bagnaia (Foto Pramac)

Per Pecco Bagnaia la stagione 2020 doveva essere quella dell’assalto al team factory Ducati, ma l’emergenza Coronavirus spinge a pensare ad un mercato piloti fossilizzato sulle attuali posizioni, specie se salterà il Mondiale. A quel punto tutto resterebbe uguale in casa Ducati, con Dovizioso e Petrucci destinati a rinnovare almeno per un altro anno se non due.

L’ex campione Moto2 ha parlato a CasaSkySport, provando a tracciare un quadro degli obiettivi all’indomani dei test invernali. “L’obiettivo è essere più veloce delle Ducati del team ufficiale – ha ammesso Pecco Bagnaia -. Quest’anno abbiamo più possibilità di riuscirci. Nei test del Qatar abbiamo lavorato bene e fatto enormi passi avanti. Eravamo pronti per la prima gara. La moto è molto veloce ed è molto competitiva, ha un grande potenziale”.

Leggi anche -> Marc Marquez: “Alex vincerà ancora. Vi dico come sta la spalla”

La nuova gomma Michelin e Quartararo

Il pilota del team Pramac Racing non ha approvato a pieni voti la nuova gomma posteriore Michelin, un po’ come tutti i piloti della casa di Borgo Panigale. I tecnici della Rossa dovranno quindi lavorare su opportune modifiche di telaio per armonizzare la GP20 alla new entry del fornitore francese. “Lo stile di guida è diverso, nessuno se lo aspettava. Le nuove gomme si sono rivelate diverse, soprattutto nell’approcciare la curva. Non si adattano troppo alla nostra moto, ma sono più neutre rispetto a quelle dell’anno scorso”.

L’anno scorso ha dovuto competere con Fabio Quartararo per il titolo di rookie of the year, una sfida che ha visto trionfare il francese della Yamaha satellite. “Quartararo ha fatto qualcosa di incredibile l’anno scorso. E quest’anno andrà più forte probabilmente. Spero di lottare con lui in diverse occasioni, entrambi siamo con moto ufficiali. Come riesce a guidare così bene la Yamaha? La M1 è una moto intuitiva, è perfetta per le sue caratteristiche. È molto bravo nella gestione della curva”.

Pecco Bagnaia (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Pecco Bagnaia (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)