Il team principal della Honda, Alberto Puig, svela il nome del candidato a sorpresa per la moto satellite della Lrc: è Pol Espargaró

Il team principal della Honda, Alberto Puig (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Il team principal della Honda, Alberto Puig (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

La Honda ha nel mirino del suo mercato piloti un nome decisamente inaspettato: quello di Pol Espargaró. Non certo per la squadra ufficiale, dove Marc Marquez ha rinnovato a lungo termine fino al 2024 ed è facile ipotizzare che al suo fianco pretenda la riconferma anche di suo fratello Alex Marquez.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Ma nella squadra satellite Lcr, invece, potrebbe presto liberarsi un sedile: quello di Cal Crutchlow, che per raggiunti limiti di età (quest’anno compirà 35 anni) ha già fatto sapere esplicitamente che il momento in cui deciderà di appendere il casco al chiodo è ormai molto vicino. “Potrei proseguire per altri tre o quattro anni, ma non mi interessa stare nelle retrovie solo per prendere uno stipendio”, ha dichiarato con la consueta schiettezza l’inglese solo qualche settimana fa alla rivista specializzata austriaca Speedweek.

Espargaró verso la Honda Lcr

Ed ecco che, per prendere il suo posto, spunta un candidato che fino ad oggi non era mai stato accostato alla Casa alata: Pol Espargaró, appunto. Lo spagnolo è lontano dalle posizioni che contano ormai da tempo, per via della scarsa competitività della sua Ktm, eppure è stato costantemente il più veloce dei suoi compagni di marca, oscurando perfino lo stimato Johann Zarco.

Questo rendimento ha attirato l’attenzione del team principal della Honda, Alberto Puig, che ha speso parole di miele nei suoi confronti, confermando che lo vedrebbe molto bene in sella ad una Rc213V. “Espargaró è un ragazzo che va molto veloce e mi è sempre piaciuto, penso che si adatterebbe molto bene alla Honda”, ha confessato. “Ad oggi direi che è un ragazzo che sicuramente potrebbe andare forte con la nostra moto”.

Un corteggiamento in piena regola, a cui lo stesso Pol ha risposto con segnali di apertura, restituendo i complimenti: “Ho molto rispetto per Puig, penso che sia un ottimo team manager”, ha commentato Espargaró a Motorbike Magazine. “Penso che la Honda sia una moto adatta a me, ma in questo momento sono felice alla Ktm. Mi trattano molto bene, mi danno tutto ciò che chiedo, grazie a loro sono molto apprezzato in questo momento. Quindi continuerò a lavorare sodo per loro fino alla conclusione del mio contratto. Dopo vedremo”. E, se son rose…

Pol Espargaro (Foto Markus Berger/Red Bull)
Pol Espargaro (Foto Markus Berger/Red Bull)