Binotto: “Si alla doppia gara. Vi dico quando possiamo partire con la F1”

0
159

Binotto ha rivelato che la Ferrari è aperta alla possibilità di fare due GP per weekend inoltre ha dato una data indicativa per l’inizio del campionato.

Mattia Binotto (Getty Images)
Mattia Binotto (Getty Images)

Sono giorni complicati per la F1. Il campionato 2020 al momento non ha ancora una data certa di inizio e ci sono già varie ipotesi sul piatto per garantire che vengano disputate un buon numero di gare durante questa sfortunata annata.

Come riportato da “Motorsport.com” Mattia Binotto ha così affermato parlando di Vettel e Leclerc: “Sono in contatto con entrambi i nostri piloti. Mi assicuro che vada tutto bene. Stanno cercando di mantenersi in forma. Leclerc si è divertito partecipando agli eSport e ha vinto al primo colpo. Per lui è stato importante riprendere in mano un volante. Alla fine è stata una bella iniziativa, lui si è divertito e ha riscontrato molto entusiasmo”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Binotto non pone limiti al calendario

Il team principal della Ferrari ha poi proseguito: “Non credo che una paura sia l’ideale per qualsiasi pilota. So che a Seb manca la normalità. Gli manca il fatto di non poter correre in pista. Lui è una persona genuina che ama molto il suo lavoro, per questo è molto apprezzato in Ferrari. Nessuno oggi può ipotizzare quando torneremo in pista. Stiamo cercando di pianificare al meglio il calendario per cominciare a inizio luglio, ma entro la fine di maggio avremo un piano più chiaro”.

Infine Mattia Binotto ha così concluso: “Il regolamento dice che per dare validità al campionato ci vogliono almeno 8 gare, ma penso che ci sia la volontà di disputarne di più e sarà importante per noi essere flessibili. Da parte nostra daremo la massima disponibilità per weekend corti o doppie gare. Da parte nostra siamo pronti anche allo scenario di far finire questo campionato nel 2021, ma al momento è ancora presto per parlarne”.

Antonio Russo

Ferrari (Getty Images)
Ferrari (Getty Images)