Con l’avvento delle auto elettriche i motori a combustioni tenderanno via via a scomparire. Ma sarà davvero così?

motore mazda
(Image by Motor1)

Con alcuni governi in tutto il mondo che pensano di vietare le auto a benzina e diesel nei decenni a venire, non si ha timore di smentita quando si dice che il motore a combustione interna stia esalando il suo ultimo respiro. Ma la casa automobilistica giapponese Mazda pensa che ci sia ancora vita nel vecchio motore, e l’azienda sta sostenendo una serie di progetti di ricerca che potrebbero vedere i biocarburanti erogati dalle nostre pompe.

L’azienda, che è ben nota per le sue auto sportive a motore rotativo e per la roadster MX-5, dice di pensare che i biocarburanti a base di alghe siano “essenziali” se il mondo vuole rendere le auto a combustione interna a emissioni zero. Mazda dice che questo perché quando viene bruciato, il biocarburante a base di alghe rilascia solo anidride carbonica che è stata assorbita dall’atmosfera dalle alghe durante la sua crescita.

E secondo la casa automobilistica, questo non è l’unico vantaggio. I carburanti a base di alghe possono essere coltivati su terreni inadatti all’agricoltura, possono essere coltivati senza troppo impatto sulle risorse di acqua dolce e possono essere prodotti utilizzando sale e acque reflue. I biocarburanti a base di alghe sono anche biodegradabili e meno dannosi per l’ambiente in caso di fuoriuscita.

Tuttavia, Mazda dice che i carburanti hanno ancora bisogno di lavoro, con sforzi per migliorare la produttività e ridurre i costi – entrambi elementi che saranno fondamentali nel tentativo di rendere tali carburanti disponibili in commercio. Di conseguenza, Mazda sta prestando supporto tecnico alla combinazione della ricerca sull’editing del genoma dell’Università di Hiroshima e sulla fisiologia degli impianti del Tokyo Institute of Technology, che spera porti a una svolta in questi settori.

In una dichiarazione, Mazda ha affermato che l’introduzione del biocarburante sarebbe importante, perché l’azienda prevede di continuare a utilizzare i motori a combustione interna in tandem con i motori elettrici in circa il 95 per cento delle sue auto nel 2030. L’azienda si aspetta anche che i carburanti liquidi rimangano “dominanti” nel settore automobilistico “almeno fino al 2040”.

Come parte del suo programma di sviluppo tecnologico a lungo termine “Sustainable Zoom-Zoom 2030“, l’azienda si impegna a ridurre le sue emissioni medie di CO2 “well-to-wheel” al 50% dei livelli del 2010 entro il 2030, e al 90% entro il 2050″, ha detto l’azienda. “Aspettandosi che i motori a combustione interna combinati con una qualche forma di elettrificazione rappresenteranno ancora circa il 95% dei veicoli prodotti nel 2030, e che il carburante liquido rimarrà dominante nell’industria automobilistica almeno fino al 2040, Mazda considera un carburante liquido rinnovabile essenziale per una drastica riduzione di CO2“.