MotoGP e Coronavirus: i consigli di uno psicologo

0
51

In questo momento difficile per i piloti viene in soccorso la psicologia. I consigli dell’esperto: soldi, certezza e quarantena.

Il gruppo della MotoGP al Gran Premio del Qatar 2019 (Foto Gold & Goose/Red Bull)
Il gruppo della MotoGP al Gran Premio del Qatar 2019 (Foto Gold & Goose/Red Bull)

La psicologia ricopre un ruolo sempre più preponderante nel Motomondiale e mai come questo in periodo può rivelarsi utile. In una situazione inedita per il mondo Mar Rovira, che segue un pilota in griglia di cui non fa il nome, parla con Diario AS sulle possibili dinamiche che frullano nella mente di un pilota in questo periodo. “Il pilota deve adattarsi alla nuova situazione e affrontare i problemi che possono generare ansia. Uno di questi ha a che fare con le entrate. Conoscere in prima persona, interessarsi e assicurarsi che i flussi di reddito siano almeno in parte garantiti. Questo aiuta nella tua nuova situazione”.

Al di là della situazione economica c’è poi l‘incertezza sul quando e se comincerà il Mondiale, senza contare che è impossibile prevedere quando finirà la pandemia. “Per il pilota, la migliore strategia è visualizzare una probabile data di inizio e lavorare come se fosse una certezza. Nel mio caso, la scadenza proposta è giugno. In questo modo, con un obiettivo ben definito, la motivazione è garantita e il pilota si prepara a fondo”.

Leggi anche -> MotoGP, Davide Brivio: “Suzuki ha bisogno di un team satellite”

L’autoisolamento mette a dura prova gli estroversi

C’è poi il problema della quarantena in casa, isolati da amici e dagli allenamenti quotidiani all’aria aperta e in moto. “Nei periodi di confino, gli introversi hanno un certo vantaggio rispetto agli estroversi. Supportano meglio la piccola stimolazione che ottengono dall’ambiente, possono concentrarsi meglio e possono arrivare a “divertirsi” in questi giorni senza avere una gran sensazione di sopraffazione”, ha aggiunto Rovira.

“Nel nostro caso, l’adattamento verrà da un piano di preparazione fisica che si adatta a dover eseguire e recuperare molto più velocemente rispetto agli anni precedenti, un lavoro mentale post-gara dettagliato, per promuovere un apprendimento rapido dalla carriera precedente, un adattamento eccellente e un basso impatto del risultato nella preparazione per la prossima competizione e un ambiente di lavoro attento in modo che il pilota si senta sicuro e concentrato su ciò che deve fare… Siamo tutti ansiosi di iniziare, ma abbiamo una cosa chiara, la prima cosa è la salute. E da quella premessa restiamo a casa. Perché il motociclismo è importante ma … la salute viene prima di tutto“.

MotoGP - Valentino Rossi (Getty Images)
MotoGP – Valentino Rossi (Getty Images)