Red Bull avvisa Maranello: “Parleremo con Todt dello scandalo Ferrari”

0
3433

Il team principal della Red Bull, Christian Horner, promette: le proteste contro lo scandalo Ferrari sono solo sospese per coronavirus, ma non accantonate

Il team principal della Red Bull, Christian Horner (Foto Mark Thompson/Getty Images)
Il team principal della Red Bull, Christian Horner (Foto Mark Thompson/Getty Images)

Superare la crisi del coronavirus è ora, comprensibilmente, la priorità numero uno per tutto il mondo della Formula 1. Ma questo non significa che gli addetti ai lavori abbiano dimenticato tutti gli altri problemi messi sul tavolo nei mesi scorsi. Anzi.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Il tema che è stato di maggiore attualità per tutto il periodo invernale e che oggi (ma solo per il momento) è stato messo in stand by è infatti quello delle proteste sul famigerato accordo confidenziale raggiunto tra la Ferrari e la Federazione internazionale dell’automobile. Quello, per intenderci, che ha chiuso in maniera ben poco chiara e trasparente le indagini sulle presunte irregolarità del motore utilizzato nella scorsa stagione dalla Rossa.

La Red Bull insiste con le proteste anti Ferrari

La Mercedes ha abbandonato il gruppo dei ribelli, ovvero delle sette squadre che si oppongono alla decisione della Fia e che pretendono di conoscere i contenuti di quell’accordo. Ma la Red Bull rimane invece saldamente al comando della protesta. Il team principal Christian Horner ha promesso che, quando la pandemia sarà sotto controllo, tornerà dal presidente federale Jean Todt a chiedere risposte. “Al momento questo problema passa in secondo piano, rispetto agli altri che la Formula 1 sta affrontando”, ha dichiarato Horner ai microfoni della tv inglese Bbc. “Vogliamo risolvere tutto il resto e poi riprenderemo e risolveremo anche questa questione, più avanti”.

Problema sospeso, dunque, ma non accantonato: “Abbiamo sollevato alcune domande alla Fia. Voglio dire che un accordo confidenziale che riguarda la regolarità tecnica della macchina di un avversario ovviamente ci fa sorgere dei dubbi. E sono sicuro che al momento opportuno parleremo con Jean per cercare di capire perché è stato siglato questo accordo e in cosa consiste”. Un avvertimento, nemmeno troppo velato, all’indirizzo della Ferrari.

Leggi anche —> Scandalo Ferrari, pure Hamilton fa pace con Vettel. Red Bull contrattacca

Il team principal della Red Bull, Christian Horner (Foto Mark Thompson/Getty Images)
Il team principal della Red Bull, Christian Horner (Foto Mark Thompson/Getty Images)