Il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko, si rimangia la controversa proposta di organizzare un campo nel quale far contagiare i suoi piloti

Il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko, con il suo pilota Max Verstappen (Foto Mark Thompson/Getty Images)
Il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko, con il suo pilota Max Verstappen (Foto Mark Thompson/Getty Images)

Travolto da una valanga di polemiche, Helmut Marko fa marcia indietro. Il plenipotenziario della Red Bull si è rimangiato le parole che aveva dichiarato ai microfoni della televisione austriaca Orf e che tanti commenti indignati avevano sollevato nei giorni scorsi.

Leggi anche —> Lo scienziato bastona Helmut Marko: “Gioca con le vite umane”

E a buon titolo: l’ipotesi avanzata dall’ex pilota era infatti quella di organizzare un campo di allenamento per i suoi portacolori (da Max Verstappen ad Alex Albon, da Pierre Gasly a Daniil Kvyat) durante la quarantena, durante il quale sarebbe stato “ideale” se si fossero infettati con il coronavirus per raggiungere l’immunità.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Marko fa marcia indietro (a metà)

Intervistato nuovamente dalla rivista specializzata tedesca Auto Bild, Marko ha precisato: “Ovviamente non è vero, non si trattava di infettare nessuno apposta”, ha dichiarato. E anche il team principal dei Bibitari, Christian Horner, ha messo in chiaro che le parole del suo responsabile non hanno avuto alcun effetto pratico: “Si trattava di una dichiarazione buttata lì, prima di comprendere la gravità della pandemia”, ha spiegato alla Bbc. “Non è mai stata discussa né messa sul tavolo come consiglio serio”.

Stavolta Marko, abituato a parlare in modo diretto e provocatorio, si è reso conto in prima persona di avere esagerato. Almeno in parte, visto che comunque continua ad insistere a sottovalutare le conseguenze del contagio: “Se le persone della mia età, il gruppo più a rischio di tutti, possono sopravvivere a questa malattia, allora si può certamente dire che giovani atleti come i nostri piloti dovrebbero almeno essere meno preoccupati delle conseguenze”, ha proseguito. “Questo è stato l’unico motivo per cui abbiamo considerato di organizzare un campo di allenamento nonostante i pericoli del virus. Non si è mai parlato di far infettare nessuno deliberatamente”.

Leggi anche —> Felipe Massa si scaglia contro Marko: “Sei folle, sta’ zitto”

Helmut Marko (Foto ServusTV/Neumayr/Leo/Red Bull)
Helmut Marko (Foto ServusTV/Neumayr/Leo/Red Bull)