Il limite di Kimi Raikkonen è la sua incapacità di adattare il proprio stile di guida: lo sostiene il suo ex compagno di squadra Pedro de la Rosa

Lewis Hamilton e Kimi Raikkonen (Foto Nelson Almeida/Afp/Getty Images)
Lewis Hamilton e Kimi Raikkonen (Foto Nelson Almeida/Afp/Getty Images)

A parte l’età, che ora ha superato i quarant’anni, Kimi Raikkonen resta un pilota dalla velocità e dal talento indiscutibili. Ex campione del mondo di Formula 1 nella stagione 2007, ad oggi resta l’ultimo portacolori della Ferrari che è stato capace di portare il titolo iridato a Maranello.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Ma ha anche dei punti deboli che lo pongono un gradino sotto ad altri pluri campioni come Lewis Hamilton e Fernando Alonso. Questo, almeno, è ciò che sostiene Pedro de la Rosa, che da collaudatore lavorò al fianco di Iceman qualche anno fa, quando correva per la McLaren.

“Kimi è molto veloce”, ha dichiarato lo spagnolo ai microfoni del quotidiano finlandese Iltalehti. “Del resto è un campione del mondo. Ma ha bisogno di macchine particolari, con un avantreno stabile, adatto al suo stile di guida, altrimenti non è capace di adattarsi. Questa è la sua differenza rispetto a Hamilton e Alonso”.

Raikkonen ha difficoltà ad adattarsi

Secondo De La Rosa, insomma, Raikkonen è capace di andare fortissimo, ma solo quando le caratteristiche e la messa a punto della propria monoposto calzano perfettamente sulle sue preferenze.

“Kimi non sa come adattarsi”, ribadisce l’iberico. “Nel 2005 e nel 2006, alla McLaren, avevamo le gomme Michelin: a Montoya e a me creavano problemi, mentre Kimi andava fortissimo. In certe condizioni lui è forte quanto Alonso e Hamilton. Ma loro li metto più in alto, perché non tutte le macchine si comportano nel modo che serve a Kimi. A Fernando potete dare qualsiasi vettura e lui andrà comunque veloce. Questi sono piloti capaci di adattarsi”.

Pedro De La Rosa (Foto Chris Bird/Getty Images)
Pedro De La Rosa (Foto Chris Bird/Getty Images)