L’ex pilota di Formula 1, Vitaly Petrov, teme che la stagione automobilistica possa essere completamente rimandata al prossimo anno

La partenza di un Gran Premio di Formula 1 (Foto Charles Coates/Getty Images)
La partenza di un Gran Premio di Formula 1 (Foto Charles Coates/Getty Images)

Si fa avanti la previsione più nera di tutte: quella di cancellare completamente l’intera stagione automobilistica. A temere questo scenario è l’ex pilota di Formula 1 Vitaly Petrov, che ha ipotizzato appunto che i motori possano tacere per tutto l’arco del 2020.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

“È possibile che tutti i campionati vengano rimandati di un anno”, ha dichiarato ai microfoni dell’agenzia di stampa Izvestia. “Purtroppo il numero di persone contagiate da coronavirus continua a crescere ogni giorno. Non penso che sia possibile fare alcuna previsione fino a settembre”.

Anche un altro grande ex del Mondiale, Gerhard Berger, è convinto che le gare non potranno riprendere nel prossimo futuro: “Oggi lo riterrei molto difficile, ma la situazione cambia ogni giorno”, ha dichiarato al giornale Kronen Zeitung l’attuale responsabile del campionato turismo tedesco Dtm.

Quelli che si aspettano una ripresa rapida

Tra gli addetti ai lavori ci sono però anche punti di vista opposti e molto più ottimistici. Ad esempio quello di David Coulthard, che ha dichiarato a Ziggo Sport: “Credo davvero che le nostre gare possano riprendere prima di molte altre”.

L’ipotesi dell’ex portacolori di Williams, McLaren e Red Bull è quella di ricominciare inizialmente con Gran Premi a porte chiuse. “Nel breve termine possiamo correre senza spettatori”, ha proseguito il pilota scozzese. “Poi, più avanti nell’anno, si potranno di nuovo tenere corse davanti al pubblico”.

Leggi anche —> F1 in pista a breve, ma a porte chiuse. La proposta di un ex

Ad oggi, ufficialmente, la Formula 1 ha fissato per metà giugno la data dell’inizio del campionato. E per rimediare al tempo perso non si escludono soluzioni creative, ad esempio quella di disputare gare doppie sullo stesso circuito nella seconda metà dell’anno.

“Bisogna fare di necessità virtù”, ha spiegato il plenipotenziario della Red Bull, Helmut Marko, ai microfoni della tv austriaca Orf. “Se si corressero diverse gare su una singola pista, bisognerebbe sceglierne una attraente, con parecchie opportunità di sorpasso”.

Vitaly Petrov (Foto Charles Coates/Getty Images)
Vitaly Petrov (Foto Charles Coates/Getty Images)