“Lasciare la Formula 1? Assolutamente no”: il team smentisce l’addio

0
107

La Renault resta al centro di molte indiscrezioni sul suo presunto addio imminente alla Formula 1. Ma il team principal Cyril Abiteboul smentisce

Un pit stop del team Renault F1 nei test precampionato a Barcellona (Foto Rudy Carezzevoli/Getty Images)
Un pit stop del team Renault F1 nei test precampionato a Barcellona (Foto Rudy Carezzevoli/Getty Images)

Ma la Renault vuole lasciare la Formula 1, sì o no? Le indiscrezioni su un imminente addio della Casa francese circolano con sempre più insistenza. Riaccese dalla pandemia di coronavirus, ovviamente, ma anche dall’annuncio della decisione della McLaren di insistere con il passaggio ai motori Mercedes nel 2021, nonostante il rinvio della rivoluzione regolamentare.

Leggi anche —> F1 2021: un grande team pronto a lasciare a fine anno?

Una decisione che in molti hanno interpretato come un segnale dell’intenzione del loro attuale fornitore di propulsori, la Renault appunto, di staccare la spina al suo programma F1. Del resto, nella passata stagione, il marchio transalpino ha deluso con le sue prestazioni in pista, nonostante l’arrivo di un top driver come Daniel Ricciardo, e fuori pista è stata coinvolta nello scandalo del suo ex presidente Carlos Ghosn.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

La smentita del boss Renault

Queste indiscrezioni hanno dunque un fondo di logica. Eppure il team principal Cyril Abiteboul continua a smentirle categoricamente: “La pressione riguarda tutti e dieci i team”, ha dichiarato ai microfoni della rivista specializzata inglese Autocar. “Ma c’è qualcosa di un po’ imbarazzante che riguarda la Renault. Mi sembra che dobbiamo rispondere molto più spesso a questa domanda, e mi chiedo il perché”.

Il boss francese ribadisce infatti l’impegno della sua scuderia: “Corriamo in F1 da 42 anni, in una forma o nell’altra. Concordo sulla nostra mancanza di continuità, dovuta anche ad alcune decisioni o ad alcuni cambi di management. Lo capisco. Ma la realtà è che abbiamo basi solide, due fabbriche, siamo un gruppo di 1200 persone e abbiamo un progetto molto avanzato, non solo per quest’anno ma per il prossimo”.

La crisi dell’industria automobilistica

Vale però la pena di sottolineare che questa intervista era stata rilasciata prima della pandemia di coronavirus, e già in quel momento Abiteboul ammetteva che l’intera industria automobilistica era in difficoltà: “Ma non sono certo che noi lo siamo di più della Daimler”, aggiunge il team principal. “Sta a noi cristallizzare il nostro potenziale, iniziando dalle nostre prestazioni. Se migliorassero, dovremmo rispondere a meno domande di questo genere”.

Il team principal della Renault, Cyril Abiteboul (Foto Charles Coates/Getty Images)
Il team principal della Renault, Cyril Abiteboul (Foto Charles Coates/Getty Images)