Moto3, Migno: “Mi piacerebbe riprendere dal Mugello”

Andrea Migno vedrebbe positivamente una ripartenza del Motomondiale con il Gran Premio d’Italia, fissato per fine maggio.

Andrea Migno
Andrea Migno (©Getty Images)

Andrea Migno è tra i tanti piloti che si sta allenando a casa in attesa che il Motomondiale possa ripartire. Ad oggi c’è ancora grande incertezza su quando le classi Moto3, Moto2 e MotoGP potranno tornare in pista. Tutto dipende da come si evolverà il problema coronavirus.

Il rider dello Sky Racing Team VR46 ha avuto l’occasione di correre in Qatar, ma ha chiuso solamente sedicesimo. Niente punti, dunque. Un piazzamento che non lo ha soddisfatto. Per il futuro ambisce sicuramente a stare in posizioni migliori, anche se in Moto3 la battaglia è spesso serratissima con tanti piloti coinvolti. Nel giro di poco tempo ti poi ritrovare da primo a decimo a volte.

LEGGI ANCHE -> Andrea Iannone: “Soldi e fama contano zero senza passione e sacrificio”

Moto3, Migno spera di riprendere in Italia

Migno, intervistato da Motosprint, si è espresso in merito agli sviluppi che potrebbe prendere il calendario del Motomondiale: “Per annullare le Olimpiadi, gli Europei e altre manifestazioni di alto calibro, vuol dire che la situazione è ancora implacabile. Bisogna ancora capire quando si potrà tornare in pista. Sarebbe bello partire dal Mugello, l’Italia è stato uno dei paesi inizialmente più colpiti, potrebbe essere una bella coincidenza”.

Il pilota nato a Cattolica auspica che la stagione possa ripartire dal Gran Premio d’Italia, al Mugello, nel weekend 29-21 maggio. Una gara che lui ha vinto nel 2017 con una prestazione straordinaria. Quello è rimasto finora il suo unico successo in Moto3, anche se certamente ambisce ad ottenerne altri.

Migno ha anche lanciato un messaggio ai suoi tifosi: “Una volta che la situazione sanitaria sarà migliorata, torneremo tutti a divertirci! Adesso bisogna fare quello che ci dicono: stare a casa. Non ci chiedono di fare dei grandi sacrifici. Cerchiamo il bello in tutto quello che abbiamo, ce n’è comunque molto”. Giuste le parole di Andrea.