La MotoGP emana una direttiva: dal 25 marzo stop allo sviluppo tecnico di motori e aerodinamica. Con questa decisione si evitano disparità tra le Case

La partenza di un Gran Premio di MotoGP 2019 (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
La partenza di un Gran Premio di MotoGP 2019 (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Non è una decisione drastica come la chiusura totale delle fabbriche decisa dai “cugini” a quattro ruote della Formula 1. “Sarebbe stato difficile da controllare”, riflette il direttore tecnico della Aprilia, Romano Albesiano. Ma comunque ora anche la MotoGP si muove nella stessa direzione.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Venerdì sera è arrivata una direttiva del responsabile tecnico del Motomondiale Danny Aldridge (anticipata nel pomeriggio al telefono dal patron Carmelo Ezpeleta in persona) che impone il congelamento dello sviluppo dei motori e dell’aerodinamica della classe regina al prossimo 24 marzo. “In Qatar non si sono congelati i motori perché non essendo presenti non era possibile consegnare i manichini, ma questa è la soluzione più logica”, conferma il direttore generale di Ducati Corse, Gigi Dall’Igna, alla Gazzetta dello Sport.

Congelato lo sviluppo tecnico della MotoGP

Questo significa che, come sarebbe dovuto avvenire a Losail se si fosse corso, entro mercoledì Honda, Ducati, Yamaha e Suzuki dovranno consegnare alla Federazione motociclistica internazionale il propulsore e il primo kit aerodinamico da omologare. Lo sviluppo, insomma sarà completamente congelato. Una decisione intesa ad evitare le disparità tra i costruttori: mentre infatti le Case giapponesi continuano a lavorare a pieno ritmo, quelle europee hanno rallentato o addirittura chiuso del tutto i reparti corse.

“Noi non stiamo lavorando ufficialmente da venerdì 13, c’erano un po’ di ultimi strascichi questa settimana per chiudere alcune attività, per il resto tutta Ducati è chiusa per ferie. Io da casa più che qualche videoconferenza col board Ducati e persone del Motomondiale non ho fatto”, prosegue Dall’Igna. “Qui in Italia non possiamo lavorare, mentre in Giappone sicuramente lo stanno facendo. È stata una cosa di buonsenso, non ci voleva molto ad arrivarci, per evitare di creare una disparità troppo grande”.

La decisione non riguarda invece Aprilia e Ktm, che hanno diritto per regolamento alle cosiddette concessioni, tra le quali lo sviluppo libero del motore anche a stagione in corso. “È stata una mossa corretta, anche se a livello di motori non ci tocca”, concorda però anche Albesiano.

Leggi anche —> Lettera aperta di Ezpeleta: “Non vogliamo saltare neanche un GP”

L'amministratore delegato della Dorna, Carmelo Ezpeleta, alla conferenza stampa in Qatar (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
L’amministratore delegato della Dorna, Carmelo Ezpeleta, alla conferenza stampa in Qatar (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)