KTM, Pit Beirer: “Dobbiamo sopravvivere a questa epidemia”

0
107

Pit Beirer parla della situazione in casa KTM durante questa epidemia da Coronavirus. Ci sono 4.200 dipendenti e un’azienda da salvaguardare.

Pit Beirer (Getty Images)

Gli impianti KTM di Mattighofen e Munderfing nell’Alta Austria da lunedì scorso sono temporaneamente chiusi a causa dell’epidemia di Coronavirus. Pit Beirer, direttore di KTM Motorsport, in un’intervista a “Motorsport-Total.com”, specifica che la chiusura è prevista fino al 14 aprile, ma non esclude che possa essere prolungata. “Il governo federale austriaco ha agito in modo rapido e deciso”.

Attualmente in Austria si contano 2.830 contagiati, 198 nelle ultime 24 ore, e un totale di otto morti. Il cancelliere Sebastian Kurz ha annunciato che ci sarà un pacchetto di aiuti da 38 miliardi di euro per l’economia austriaca. Anche KTM con circa 4.200 dipendenti è interessata. “Non importa da quale giorno ricominceremo a lavorare. In primo luogo, le vacanze sono ridotte e poi si lavorerà per brevi periodi. “Da questo punto di vista, i dipendenti in Austria sono curati in modo eccellente, perché riceveranno fino all’80% del loro reddito netto”.

KTM a salvaguardia dell’azienda

La casa di Mattighofen non pensa al Mondiale per adesso. “Ora è importante che l’intera azienda sopravviva a questa crisi in termini di salute e poi sopravviva anche finanziariamente”. Questa emergenza sanitaria avrà anche conseguenze economiche. Le ultime settimane sono state anche un’esperienza completamente nuova per Pit Beirer. “Contrariamente alla mia natura, mi sono subito preoccupato. Ho avvisato presto le persone più importanti. Tutti sembravano un po’ sorpresi, ma in qualche modo l’espansione avveniva quando in Cina la situazione era preoccupante. Se lavori con 400 persone in tutto il mondo come me, puoi naturalmente sapere cosa sta succedendo in ogni paese. Sono stato mentalmente preparato relativamente presto che stavamo affrontando una situazione spiacevole, anche se non volevo ammetterlo da solo”.

Le prime due gare di motocross sono avvenute in maniera un po’ sconsiderata, l’epidemia era già in corso e non si sono prese le dovute precauzioni. “In molti eventi, ho informato FIM all’inizio che la nostra gente non avrebbe più viaggiato, che si trattasse di motocross in Argentina o di raduno ad Abu Dhabi”. Adesso resta grande incertezza sulla data del primo Gran Premio. “Come molte persone, i dipendenti KTM sono ora seduti a casa e aspettano di vedere come si svilupperà la situazione – ha concluso Pit Beirer -. Tutto ciò che riguarda il futuro, i ragazzi continueranno a casa e torneranno dalla pausa con i progetti finiti”.

Pit Beirer
Pit Beirer (getty images)