Muoiono per Coronavirus il padre di Oscar Haro, direttore sportivo del team LCR Honda, e il giornalista Tomas Diaz-Valdes.

Esteve Tito Rabat MotoGP
Esteve Tito Rabat (©Getty Images)

La pandemia da Coronavirus colpisce anche il mondo del paddock MotoGP. Prima la morte del giornalista Tomás Díaz-Valdés, figura chiave nella carriera di Angel Nieto. Marc Marquez sui social ha voluto ricordarlo così: “RIP Tomás Díaz a causa del Coronavirus. Non dimenticherò mai il nostro ultimo discorso nel campus di Repsol un mese fa. Ricordo la frase che mi hai detto come se fosse ieri: goditi la tua passione e facci divertire! Quindi lo farò. Riposa in pace”.

Lutto nel team LCR Honda e Ducati

Ieri abbiamo anche appreso della morte del padre di Óscar Haro, direttore sportivo della Honda LCR, a causa del coronavirus. Senza dubbio, un vero colpo per Haro, che ieri ha celebrato la sua prima festa del papà dopo la nascita di sua figlia Lola il 23 febbraio. È anche una settimana molto difficile per Tito Rabat. Come riportato da Motorsport.com, il pilota catalano ha perso in soli quattro giorni i suoi due nonni paterni. Martedì suo nonno Rosendo Rabat è morto all’età di 90 anni, a causa di una lunga malattia, e oggi è stata sua moglie Rosa Sabater a perdere la vita a Barcellona.

Notizie come oggi mostrano la gravità della situazione che la Spagna sta attraversando a causa del COVID-19, una malattia che ha già ucciso 1.043 persone e oltre 20mila sono i contagiati.

Leggi anche —> F1, coronavirus: dopo 65 anni salta il Gran Premio di Monaco

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da oscarharotasende (@oscarharotasende) in data: