Leon Haslam affronta l’argomento Coronavirus. Massima fiducia nel progetto Honda, il pilota assicura: “Questo progetto è vincente”.

Leon Haslam (getty images)

Mentre la pandemia di coronavirus ha messo in pausa il mondo dello sport, le squadre stanno facendo il possibile per prepararsi all’eventuale ripresa della stagione Superbike. Leon Haslam ha esordito in Australia con un 5° – 8° – 12° posto in sella alla Honda CBR1000RR-R Fireblade dopo il suo debutto in Australia. Alto è il potenziale della derivata di serie targata HRC, ma servirà ancora tempo e lavoro per distillarlo. “Il lato positivo è lo sforzo che il mio team, Honda e HRC stanno facendo”, ha detto Haslam. “Continuiamo a comunicare e so che il lavoro non si ferma mai. Hanno un obiettivo – vincere – quindi non è qualcosa di cui devo preoccuparmi.

Mentre la pandemia di coronavirus mette in attesa il mondo dello sport, Leon Haslam racconta come sta affrontando questo momento di difficoltà internazionale. “Ricevo ancora e-mail e chiamate e so che le persone stanno pensando e analizzando le informazioni, quindi sono felice di far parte di questo progetto e non vedo l’ora di tornare in pista.” Mentre team e piloti non sono in grado di correre o testare, non vi è alcun divieto di lavorare in fabbrica e il personale tecnico è ancora in grado di lavorare da casa in base alle attuali restrizioni”.

La quarantena di Leon Haslam

Riguardi ai preparativi fisici, Leon Haslam ha adattato il suo allenamento in attesa della ripresa del campionato SBK. “Ho un buon allenatore che vedo ogni giorno. Normalmente, vado in moto tre o quattro volte alla settimana, trail, enduro o Motocross. Ora sto solo seguendo un programma di allenamento standard, provando a mantenere una mente positiva e lavorando sempre per migliorare la forma fisica e cercare di mantenermi il più sano possibile”.

Leggi anche -> SBK, Bautista: “Honda arriverà davanti. Coronavirus? Tutto strano”

L’epidemia di Coronavirus si sta allargando dall’Italia, alla Spagna e al resto d’Europa, compreso il Regno Unito. “Ho molti amici in Italia e in Europa che sono stati molto colpiti – ha raccontato a Crash.net -. Ora le cose stanno diventando più serie anche nel Regno Unito, con la graduale chiusura delle scuole e l’arrivo di nuove regole. C’è l’incertezza su ciò che accadrà giorno dopo giorno. Tutto ciò che possiamo fare è ascoltare i professionisti, fare ciò che possiamo per rimanere al sicuro e concentrarci sulle nostre famiglie. Dobbiamo solo cercare di sfruttare al meglio ogni giorno”.

Leon Haslam (getty images)