Emergenza Coronavirus: cosa cambia per multe e rinnovo patente

L’emergenza Coronavirus comporta cambiamenti sul pagamento delle multe: si potrà beneficiare dello sconto del 30% anche pagando entro 30 giorni.

Multa
Multa

L’emergenza Coronavirus apporta conseguenze anche alle multe. Per beneficiare della riduzione il tempo per il pagamento passa da 5 a 30 giorni fino al prossimo 31 maggio 2020, come sancito dal Decreto Cura-Italia del 17 marzo 2020.

L’articolo 202 del Codice della Strada prevede che una sanzione amministrativa pecuniaria deve essere pagata entro 60 giorni dalla notifica. Tale somma è ridotta del 30% se il pagamento è effettuato entro 5 giorni dalla contestazione o dalla notifica. In seguito all’allarme Coronavirus il decreto d’emergenza emanato dal governo ha disposto che dal 17 marzo al 31 maggio 2020 lo sconto multa del 30% si applica anche se il pagamento viene effettuato entro 30 giorni dalla contestazione o dalla notifica della violazione.

Leggi anche -> Decreto Coronavirus: RC auto sospesa in tutta Italia

La consegna della sanzione via posta

In ottica prevenzione della diffusione del virus Covid – 19, per prevenire la salute degli addetti al servizio postale e dei destinatari degli invii postali, fino al 30 giugno 2020 gli operatori postali non dovranno consegnare a mano la “busta verde”, ma solo accertarsi della presenza a casa del destinatario, lasciando la missiva nella cassetta della corrispondenza presso il medesimo indirizzo. La firma viene apposta dall’operatore postale sui documenti di consegna in cui viene indicata anche la suddetta modalità di recapito.

Vi invitiamo, quindi, a restare a casa e a non recarvi negli uffici della Polizia se non per urgenze inderogabili. Per evitare di prendere nuove sanzioni, vi ricordiamo di scaricare sempre il modulo aggiornato per l’autocertificazione.

Infine vi ricordiamo che le patenti di guida (e carte d’identità) che devono essere rinnovate in questi giorni saranno valide fino al 31 agosto. Le revisioni ed i controlli sulle auto da fare entro il 31 luglio possono essere rimandate al 31 ottobre.

Controlli della polizia (getty images)