Jorge Viegas, presidente FIM, non scarta l’ipotesi di correre anche a dicembre e gennaio pur di salvare la stagione 2020 del Motomondiale.

Jorge Viegas
Jorge Viegas (getty images)

Come presidente della FIM, Jorge Viegas si trova in una situazione particolarmente difficile data l’attuale pandemia di coronavirus. Il 63enne portoghese in un’intervista a “La Tribune de Genève e 24 Heures”, non esclude drastiche soluzioni pur di salvare il campionato del mondo. “Non sono un virologo; Non posso dire cosa può o succederà in futuro. Dirigo un’associazione sportiva che si occupa anche di altre attività automobilistiche come il turismo e la mobilità. Il nostro obiettivo è continuare tutte queste attività”.

Leggi anche -> Allarme coronavirus: chiude anche il circuito di Sepang

Un piano B per la MotoGP

FIM e Dorna dovranno fare i conti con le decisioni dei singoli Paesi in materia sanitaria. “Seguiremo sempre le istruzioni dei governi e dell’Organizzazione mondiale della sanità OMS. Vediamo che la diffusione del virus deve essere fermata”, ha affermato Viegas. “Purtroppo adesso c’è un panico generale. E il pericolo maggiore è esattamente questo: l’isteria collettiva”. Saltata la prima gara in Qatar, le successive tra in Thailandia, Austin e Argentina sono state rinviate. Un problema che coinvolge tutti i settori del motorsport e non solo.

È concepibile che alcuni campionati dureranno fino a Natale? “Se necessario, sì”, ha confermato il presidente della FIM. “Se immagini che alcuni eventi debbano ancora essere annullati e che non saremo in grado di correre di nuovo fino a molto tempo dopo, faremo il possibile affinché il Motomondiale sia all’altezza del nome. Se necessario, correremo fino al gennaio 2021. Questo non è un tabù per noi”. Ma la pandemia di coronavirus è un bel problema anche dal punto di vista finanziario. “Le aziende non lavorano più – ha ricordato Jorge Viegas -, le scuole sono chiuse, l’intera economia è lenta. Ciò avrà conseguenze, ma sono ancora difficili da valutare”.

Valentino Rossi nei test MotoGP in Qatar (Foto Yamaha)
Valentino Rossi nei test MotoGP in Qatar (Foto Yamaha)