F1, riunione urgente dei team principal: salta il GP di Melbourne?

0
657

I team principal dei vari team di F1 sono in questi minuti riuniti in un meeting per decidere se proseguire o meno con il weekend di Melbourne.

Team Principal (Getty Images)
Team Principal (Getty Images)

Il circus di F1 dovrebbe scendere in pista questo weekend a Melbourne per far partire questo campionato 2020. Purtroppo però l’inizio di questo fine settimana sembra sempre più rischio. Dopo che la McLaren si è ritirata a causa della positività al Coronavirus di un suo tecnico, infatti, sembra sempre più in forse il GP.

Come riportato da “Motorsport.com”, in questi minuti i vertici delle singole squadre sono riuniti per decidere il da farsi. Una brutta situazione da gestire visto che domani le vetture dovrebbero scendere in pista e in queste ore tifosi e giornalisti sono già arrivati in Australia per il Gran Premio.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Tutto in bilico in questi minuti

Le brutte notizie però non sono finite qui. La McLaren, infatti, sarà costretta a mettere in quarantena l’intera squadra e ciò vorrà dire che dovrà saltare anche il GP del Bahrain. A questo punto, per un effetto domino, dovrebbero saltare Australia, Bahrain e Vietnam. Ciò vorrebbe dire che si correrebbe direttamente in Olanda, a Zandvoort il 3 maggio.

Per ora non vi sono ancora decisioni ufficiali, ma purtroppo l’esito di tutto sembra già scritto. La F1 presto potrebbe annunciare il rinvio delle prime tre gare del Mondiale con danni economici immani sia per i team, che per i paesi ospitanti che tanto puntano su questi eventi per la propria economia. L’emergenza mondiale da Coronavirus però sta letteralmente ingessando il mondo e anche la F1 non sembra riuscire a tenersi lontana da questi problemi. Le monoposto in questi anni hanno corso sempre, persino dopo l’11 settembre, addirittura nel giorno della morte di Senna, quindi questa per il paddock è una prima volta assoluta.

Antonio Russo

Binotto e Steiner (Getty Images)
Binotto e Steiner (Getty Images)