La protesta di De Angelis: “Andare avanti con i test è irrispettoso per l’Italia”

Nonostante l’emergenza coronavirus, la MotoE va avanti regolarmente con i suoi test a Jerez. Ma l’ex pilota di MotoGP Alex De Angelis non ci sta

Alex De Angelis (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)
Alex De Angelis (Foto Mirco Lazzari gp/Getty Images)

Di fronte all’emergenza coronavirus le reazioni si dividono: alcuni campionati automobilistici e motociclistici si sono fermati, altri hanno deciso di proseguire. Questo è il caso della Formula 1, che al momento sembra destinata a disputare a porte aperte il suo Gran Premio inaugurale a Melbourne, ma anche della MotoE, che ha iniziato proprio ieri i suoi test precampionato a Jerez de la Frontera.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Presenti tutti i team tranne la Sic58 Squadra Corse, che ha preferito restare in Italia. Ma la decisione di andare avanti come se nulla fosse successo ha suscitato rabbia in alcuni dei partecipanti, tra i quali l’ex pilota di MotoGP Alex de Angelis, che si è fatto sentire tramite la sua pagina ufficiale di Facebook.

“Non ritengo giusto ciò che hanno deciso di fare qui a Jerez per il test della MotoE”, ha scritto il sanmarinese. “Rispetto zero verso tutti gli italiani che sono qui a lavorare ma che vorrebbero tornare a casa dalle rispettive famiglie. È vero che nessuno ci obbliga a rimanere (anzi Pramac ci comprerebbe qualsiasi biglietto per tornare a casa anche subito) ma non è nemmeno sportivo da parte dell’organizzazione agevolare tutti gli altri team e i piloti delle altre nazionalità facendo proseguire il test come se il problema non fosse così importante e comune. Questo è un mio personalissimo parere”.

Oltretutto la situazione che si è venuta a creare con il blocco deciso da parte della Spagna di tutti i voli da e per l’Italia rischia di mettere in difficoltà piloti e squadre che dovranno tornare nel nostro Paese venerdì. L’ipotesi più accreditata in questo momento è che decidano di transitare per altri Stati che al momento non hanno previsto simili restrizioni.

Ma le prove, per il momento, continuano. Ieri la prima giornata ha visto svettare Eric Granado su Matteo Ferrari e Bradley Smith, mentre De Angelis ha chiuso sesto. Oggi e domani sono previsti gli ultimi due giorni di collaudi, mentre la seconda stagione di MotoE dovrebbe cominciare sempre a Jerez, nel weekend del Gran Premio di Spagna, dal 1° al 3 maggio prossimi.

Eric Granado in pista a Jerez per i test di MotoE (Foto Dorna)
Eric Granado in pista a Jerez per i test di MotoE (Foto Dorna)