Il boss HRC Tetsuhiru Kuwata-San parla del progetto Fireblade e del ritorno della Honda nel campionato del mondo di Superbike.

Bautista Alvaro Superbike
Alvaro Bautista (foto Honda WorldSBK)

La nuova CBR1000RR-R è la superbike Honda più rivoluzionaria di sempre. Durante lo sviluppo i tecnici giapponesi hanno tratto parecchio ispirazione della RC213V. Tetsuhiru Kuwata-San è direttore generale della Honda Racing Corporation. In un’intervista esclusiva a Speedweek.com ha lasciato intendere quanto sia stato attentamente seguito il progetto di questa moto. “La Coppa del Mondo Superbike è fortemente regolamentata, non è più possibile apportare tante modifiche alle moto come prima. Se vogliamo utilizzare una motocicletta di produzione nel Campionato mondiale Superbike, questa motocicletta di produzione deve già avere un grande potenziale da corsa”.

Il ritorno della Honda nel mondiale SBK

Non resta che aumentare il potenziale delle moto stradali per costruire un progetto vincente nel WorldSBK. “Costruiamo Fireblade da molti anni, è l’ammiraglia sportiva nella gamma di modelli Honda… Ecco perché abbiamo deciso di costruire un fireblade ad alte prestazioni. Abbiamo costruito il Fireblade 2020 secondo il principio “nato per correre”. Ciò significa che abbiamo spostato l’attenzione dall’uso stradale alle corse, nella misura in cui definirei Fireblade SP un pilota di produzione”.

Leggi anche -> Superbike, Bautista avvisa i rivali: “In Honda siamo forse al 30%”

La Honda ha evitato di partecipare al campionato del mondo di Superbike per molti anni, perché hanno cambiato idea? “Oltre alla MotoGP, è l’unico impegno di corse su strada della Honda. È un campionato mondiale, un campionato mondiale per moto di serie. La serie britannica Superbike è una serie di corse nazionali. A nostro avviso, la serie con il livello più alto è il Campionato mondiale Superbike e anche altri produttori si stanno concentrando su questa serie – ha aggiunto Tetsuhiru Kuwata-San -. Se vogliamo dimostrare le prestazioni della nuova Fireblade, dobbiamo farlo nella categoria più alta. Così abbiamo deciso di competere nel Campionato mondiale Superbike”.

Leon Camier
Leon Camier e Alvaro Bautista a Phillip Island