Definito da alcuni media un “predestinato” prima ancora di vincere qualcosa, Charles Leclerc potrebbe bruciarsi a causa di attese ed egocentrismo.

Charles Leclerc ai box (Foto Ferrari)
Charles Leclerc ai box (Foto Ferrari)

Come la stampa con la sua martellante insistenza ha amplificato le conseguenze del Coronavirus rendendole ancora più nocive per il popolo italiano, che oggi pare diventato  il nemico numero uno del mondo, così potrebbe aver rovinato il monegasco.

Già probabilmente portato a montarsi la testa, per anni, nelle formule minori il Principino si è camuffato dietro ad una falsa modestia. Un atteggiamento che si sforza di mantenere tutt’ora, non fosse che quando abbassa la guardia si dimentica di recitare facendo venire fuori la sua essenza. Quella di un ragazzo che non appena fatto un passo avanti, ha cominciato a snobbare chi lo aveva seguito o aiutato prima. Per la verità, nulla di anomalo o di eclatante visto che nel Circus è più o meno la prassi.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

A fare specie, invece, sono altre sue recenti dichiarazioni raccolte da La Gazzetta dello Sport secondo cui: “Da quando sono diventato popolare tutti vogliono essere miei amici, ma io sto attento e mi accompagno solo alle persone che conosco dall’infanzia”. Sinceramente, a nostro personale avviso, queste parole non gli fanno certo onore, anzi ne evidenziano la chiusura mentale considerato che lungo il suo cammino, professionale soprattutto, ma non solo, di certo di persone interessanti con cui iniziare un rapporto ne avrà incontrate e ne incontrerà.

Non fosse abbastanza il #16 ha poi aggiunto il carico da novanta sulla scia delle esaltazioni di chi lo continua ad osannare come il Messia. Oltre al tirare fuori il nome di Ayrton Senna, a quanto pare suo ispiratore, ( ndr. peccato che non c’entri niente con lui), ha poi citato un episodio specifico, ovvero il famoso duello rusticano tra Gilles Villeneuve e René Arnoux durante il GP di Francia 1979 sostenendo che avrebbe tanto voluto essere la star in mezzo a quei famosi sorpassi.

Speriamo che tutta quest’ansia da primo della classe possa portare la Ferrari al mondiale…

Leclerc (Getty Images)
Leclerc (Getty Images)

Chiara Rainis