I timori del pilota: “C’è un team che sta per lasciare la Formula 1”

0
14262

Se anche quest’anno i risultati non saranno all’altezza, Gene Haas è pronto a ritirare la sua scuderia dalla Formula 1. E i suoi piloti tremano

La Haas di Kevin Magnussen ai box (Foto Mark Thompson/Getty Images)
La Haas di Kevin Magnussen ai box (Foto Mark Thompson/Getty Images)

“Sto aspettando di vedere come inizierà la stagione. Se sarà un altro anno negativo, allora potrei decidere di andarmene”. Gene Haas sgancia la bomba sul paddock della Formula 1: la sua squadra potrebbe abbandonare la griglia di partenza già al termine di questa stagione.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

La decisione sulla prosecuzione o meno dell’avventura nel Mondiale dell’unico team americano arriverà già nei prossimi mesi. “Avevamo deciso di disputare cinque stagioni, una sorta di test, per vedere come sarebbe andata e poi decidere se andare avanti”, ha rivelato Haas ai microfoni del sito specializzato internazionale Motorsport. “Non sto dicendo che non torneremo, lo dobbiamo valutare. Ma correre per altri cinque anni sarebbe un grosso impegno”.

L’imprenditore statunitense era infatti entrato in F1 nel 2016 per promuovere la sua azienda, la Haas Automation, e nonostante abbia ammesso che questa operazione gli ha permesso di penetrare in modo deciso nei mercati europeo e asiatico, i costi di mantenere una scuderia stanno diventando troppo elevati. Soprattutto alla luce dei risultati deludenti dell’ultima stagione, che sembrano destinati a ripetersi anche quest’anno.

Magnussen teme l’addio della Haas

Il ritiro, dunque, è un’ipotesi che Haas sta realmente valutando. Una notizia che sarebbe negativa per l’intero campionato, che si ritroverebbe con solo nove squadre in griglia di partenza, ma soprattutto per i due attuali piloti del team: Kevin Magnussen e Romain Grosjean. Per loro, l’addio della scuderia significherebbe con ogni probabilità la fine della carriera in Formula 1.

E dunque si fa strada una certa di preoccupazione: “Gene si è sicuramente stancato di essere penultimo come l’anno scorso”, ha ammesso Magnussen al quotidiano Bt. “Non so come questo condizionerà i suoi piani futuri, ma non c’è dubbio che non ha voglia di restare in Formula 1 per arrivare nono o ultimo. Non devo nemmeno chiederglielo, perché lo so. Ma non mi sono preparato a questa eventualità, perché non penso che arriveremo di nuovo noni quest’anno. Il 2019 è stato un caso a parte. Credo che, se lavoreremo come dobbiamo, Gene vorrà continuare”. O, almeno, così sperano tutti.

Gene Haas, proprietario dell'omonimo team (Foto Jared C. Tilton/Getty Images)
Gene Haas, proprietario dell’omonimo team (Foto Jared C. Tilton/Getty Images)