Reduce da un inverno da primo della classe Lewis Hamilton spaventa i rivali mostrandosi convinto che il sistema DAS permetterà alla Mercedes di dominare.

Lewis Hamilton (Getty Images)
Lewis Hamilton (Getty Images)

Anche se laurearsi campioni nei test non serve a nulla, il fatto che a primeggiare nelle scorse due settimane a Barcellona siano state le Frecce d’Argento ci mette già nel mood che pure quest’anno assisteremo ad una battaglia privata tra i suoi due piloti.

E’ vero che la Red Bull è apparsa molto competitiva, e pure la Racing Point (di certo una volta partito il campionato non potrà rubare punti alla Mercedes) ha fatto vedere belle cose, ma la sensazione è esattamente quella che non ci saranno grandi chance per gli altri. Di questo ne è abbastanza sicuro Ham, persuaso che il nuovo congegno studiato dalla direzione tecnica capitanata da James Allison, consentirà alla squadra tedesca di accumulare subito un gran vantaggio sui rivali.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Dopo sei giorni di azione in pista del Dual Axes Steering e dei suoi benefici si è capito poco. In teoria dovrebbe influenzare la temperatura delle gomme e ridurre il drag sui rettilinei, ma se davvero abbia aiutato la W11 a migliorare la propria performance non lo sappiamo.

Dal canto suo il sei volte iridato si è proclamato fiducioso. “Per il momento non l’ho usato molto, e non so quanto lo utilizzeremo. In ogni caso sport farà la differenza in maniera rilevante”, le sue parole riprese da F1i.com. “Sono molto orgoglioso del lavoro fatto dai ragazzi del reparto tecnico. La nostra mentalità indirizzata al continuo progresso ci ha permesso di diventare sempre più aperti a trovare soluzioni innovative”, ha infine con fierezza sostenuto il britannico sottolineando come spesso gli ingegneri preferiscano non correre rischi e proseguire per la strada nota evitando sperimentazioni rischiose.

(©Getty Images)

Chiara Rainis