Michael Ruben Rinaldi al debutto con la Ducati del team Go Eleven è contento della prima manche Superbike disputata in Australia. C’è fiducia per domani.

Michael Ruben Rinaldi Superbike
Michael Ruben Rinaldi (©Getty Images)

Michael Ruben Rinaldi è riuscito a chiudere in top 10 la Gara 1 Superbike a Phillip Island. Al debutto con il team Go Eleven è riuscito a portare la sua Ducati Panigale V4 R al decimo posto al traguardo.

Il pilota italiano è stato battuto per pochi millesimi da due colleghi molto più esperti come Chaz Davies e Tom Sykes. Il suo risultato avrebbe potuto essere anche migliore, comunque l’esordio con la squadra guidata da Gianni Ramello e Denis Sacchetti va considerato positivamente.

Leggi anche -> Superbike, Rea punge Sykes: “Ha già fatto queste manovre e le rifarà”

Michael Rinaldi sulla Gara 1 Superbike in Australia

Rinaldi è soddisfatto della sua performance di oggi nella prima manche del campionato mondiale Superbike 2020 a Phillip Island: “Se guardiamo il bicchiere mezzo pieno la gara è stata tutta in crescendo, perché dal decimo all’ultimo giro ho tenuto il passo dei primi, il che è decisamente positivo. Nei primi dieci giri, invece, con la gomma nuova non avevo feeling ed ho preso dieci secondi. Quando il posteriore è calato, ho guidato meglio ed infatti i tempi erano in linea con il gruppo davanti. Siamo messi bene con la gomma usata, mentre dobbiamo migliorare ad inizio gara”.

Il rider del team Go Eleven Ducati è fiducioso per il futuro, sente di avere un pacchetto per fare bene sia domani che in futuro: “Tutto sommato è il primo weekend, è comprensibile non essere al 100% però mi tengo un po’ di rammarico perché avremmo potuto fare veramente veramente bene se avessimo tenuto il ritmo di fine gara fin dal semaforo verde. Adesso, guardiamo i dati e domani possiamo ritornare alla carica!”.