Jonathan Rea non è stato veloce quanto sperava nelle prove libere Superbike in Australia. Il pilota Kawasaki ha preso mezzo secondo da Scott Redding oggi, ma non perde la fiducia.

Jonathan Rea Superbike Kawasaki
Jonathan Rea (foto Kawasaki WorldSBK)

Jonathan Rea ha registrato il sesto miglior tempo nelle prove libere Superbike in Australia, accusando mezzo secondo di ritardo da Scott Redding. Un gap che non ci si aspettava, anche se bisognerà attendere sabato per capire i reali valori in pista.

Il cinque volte campione del mondo SBK non va mai sottovalutato. Uno come lui sa sempre sorprendere, trovando quei decimi che magari in un primo momento sembra non avere. Va detto che a Phillip Island non vince dal 2017 e che negli ultimi due anni è stata la Ducati a trionfare lì, ma Johnny cercherà di riportare Kawasaki al trionfo.

Leggi anche -> Superbike, Redding sogna di imitare Bautista a Phillip Island

Superbike, Australia 2020: Rea commenta le prove libere

Rea al termine della giornata non è soddisfatto del feeling avuto in sella alla sua Ninja ZX-10RR: «Il setup della moto era abbastanza simile al recente test, ma oggi non mi sentivo così bene e non abbiamo apportato troppi cambiamenti. Ci siamo concentrati sul testare sia del nuovo pneumatico opzionale che Pirelli ha portato sia sul pneumatico standard che abbiamo avuto durante i test. Entrambi danno sensazioni diverse, alcune positive e altre negative».

Nel test pre-campionato a Phillip Island è stato il campione in carica Superbike il più veloce di tutti, mentre oggi non si è trovato completamente a proprio agio. Comunque il Kawasaki Racing Team lavorerà sodo nel terzo turno di prove libere domani per migliorare la situazione: «Dobbiamo esaminare un po’ più a fondo il motivo per cui il feeling non è stato così buono e c’è chiaramente una mancanza di aderenza rispetto al test. Domani mattina, a seconda del livello di grip, si spera che la pista sia più gommata anche grazie alle altre classi. È sempre difficile quando piove molto. Ma sento che non siamo così lontani».

Johnny è convinto che con il miglioramento dell’aderenza cresceranno anche le sue performance. Nella FP1 ha piovuto e dunque la pista nella FP2 è stata condizionata, pur essendo asciutta. Domani è previsto meteo sereno e il tracciato dovrebbe essere maggiormente gommato.