Jonathan Rea in Ducati MotoGP? Il manager nega, ma avvisa Kawasaki

0
231

Chuck Aksland, manager di Jonathan Rea, risponde alle news su un possibile approdo in MotoGP con Ducati e sul rinnovo di contratto con Kawasaki Superbike.

Jonathan Rea
Jonathan Rea (foto WorldSBK)

La stagione Superbike è appena cominciata con i primi due turni di prove libere in Australia. Per il cinque volte campione del mondo Jonathan Rea un sesto tempo finale ad oltre mezzo secondo dal leader Scott Redding.

Da vedere domani quali saranno i valori in pista a Phillip Island quando si disputeranno Superpole e Gara 1. Nonostante la grande concentrazione sul primo round del campionato SBK 2020, circolano anche alcune voci di mercato visto che tanti contratti vanno in scadenza a fine anno. Uno di questi rumors, emerso proprio in Italia, ha rivelato l’interesse di Ducati per Johnny in chiave MotoGP.

Leggi anche -> Superbike 2020, round Australia: orari diretta TV e streaming

Rea dalla Superbike alla MotoGP? Parla il manager

Chuck Aksland, manager di Rea, è presente a Phillip Island e ha avuto modo di commentare l’indiscrezione circolata: “Parlo con molti produttori di tante cose – ha detto a Speedweek – ma non con Ducati sulla MotoGP. La priorità di Jonathan è rimanere nel campionato mondiale Superbike. È felice qui. Per fare un passo avanti in MotoGP a 33 anni, dovresti offrirgli il pacchetto giusto. In tal caso potrebbe essere interessato. Tale pacchetto dovrebbe essere molto buono per attirarlo lontano dalla SBK”.

Secondo Aksland, il pilota Kawasaki potrebbe fare bene anche nella top class del Motomondiale: “Ha una mentalità vincente e il talento per diventare campione del mondo MotoGP. Ovviamente non potrebbe farlo nel suo primo anno nella categoria”. Rea ha corso due gare in MotoGP nel 2012, quando in Honda sostituì Casey Stoner a Misano e Aragon, chiudendo rispettivamente in ottavo e settimo posto.

Il manager del cinque volte campione del mondo WorldSBK comunque non ha escluso un addio alla Kawasaki, seppur il rinnovo rimanga la priorità: “Tutto dipende dalla moto che porteranno, se sarà un’evoluzione della vecchia oppure una nuova. La seconda opzione motiverebbe Jonathan a restare. I colloqui sono iniziati. Se Kawasaki continua a spingere per affrontare le imminenti battaglie, lui può rimanere. In caso contrario, non posso escludere un cambio di marchio”. La casa di Akashi è avvertita.

Jonathan Rea Alex Lowes Superbike
Jonathan Rea e Alex Lowes (foto Kawasaki Racing Team WorldSBK)