Futuro Ferrari. E se il post Vettel si chiamasse Ricciardo?

Dalla Spagna Daniel Ricciardo manda segnali di fumo alla Ferrari. Che sia l’australiano della Renault l’uomo giusto su cui puntare nel dopo Vettel?

Daniel Ricciardo con Sebastian Vettel (Foto Toshifumi Kitamura/Afp/Getty Images)
Daniel Ricciardo con Sebastian Vettel (Foto Toshifumi Kitamura/Afp/Getty Images)

Che sia un bel pilota è indubbio. Il driver di Perth, in pista, è certamente veloce, intelligente ed aggressivo, ma soprattutto, aspetto da non sottovalutare, è interessante dal punto di vista del marketing. Perché diciamoci la verità. Avrà pure vinto quattro mondiali, ma la personalità di Sebastian ha sempre avuto, e sempre avrà, la forza trascinante di un topo investito in autostrada.

Bravo ragazzo, padre di famiglia, mai una notizia eclatante sul suo conto, il tedesco, sorprendentemente se si pensa a quanti successi ha raggiunto in epoca Red Bull, non è mai riuscito a convincere fino in fondo, a infuocare l’animo dei tifosi, ad essere valutato dal Cavallino come una bandiera.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Completamente in tilt da quando nel 2018 Maranello ha deciso che al suo fianco, al posto dell’accomodante amico Raikkonen, dovesse esserci il rampante Charles Leclerc, il 32enne è diventato una sorta di pre-pensionato. Per questo la Rossa dovrà da subito cercare di capire la direzione da intraprendere per il futuro.

Uno dei percorsi è rappresentato proprio da Ricciardo. Dal sangue latino e abbastanza bravo anche con l’italiano, oltre a tutte le caratteristiche di cui abbiamo parlato, Daniel potrebbe essere la soluzione tampone prima della promozione di Mick Schumacher, che certo verrà spinto in tutti i modi per dare vita ad un’operazione nostalgia.

Da parte sua Honey Badger, ha già mostrato interesse. “Io alla Rossa? Mi contattassero mi libererei nell’immediato”, ha detto dal Montmelo dove sta disputando i test invernali. “Per adesso però il mio interesse primario è restare dove sono. E’ troppo presto per parlare del futuro e l’uso del condizionale è d’obbligo. Mi piacerebbe comunque proseguire con Renault per un altro paio di campionati”.

(©Getty Images)

Chiara Rainis