Sebastian Vettel non dramatizza e non si entusiasma per le prestazioni della SF1000, ma continua a predicare calma per l’inizio del campionato 2020.

Sebastian Vettel (Getty Images)
Sebastian Vettel (Getty Images)

Sebastian Vettel ha piazzato la sua Ferrari davanti a tutti in questa seconda giornata di test a Barcellona. La Rossa giorno dopo giorno sta mostrando sempre di più tutte le proprie carte. L’impressione è che il gap tra le varie scuderie si sta riducendo sempre di più e vedremo delle gare molto combattute.

Come riportato da “Speedweek” il pilota tedesco a margine di questa giornata ha così dichiarato: “L’anno scorso abbiamo fatto una buona prova qui. Poi però ci siamo svegliati male in Australia. Da lì in poi abbiamo cambiato rotta. Nella prima settimana abbiamo cercato di capire al meglio la SF1000. Ora siamo passati ai long run”.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Vettel: “Possiamo reagire, non c’è panico”

Vettel ha poi proseguito: “Crediamo di essere sulla strada giusta. Dove ci porterà questa strada lo capiremo nei primi weekend. La nuova auto è più veloce soprattutto in curva. Oggi le condizioni non erano molto buone, mi sono sentito moderatamente a mio agio sulla vettura. Anche le bandiere rosse non hanno di certo aiutato. Spero che domani Charles abbia la strada libera”.

Il pilota teutonico però ha voluto frenare gli entusiasmi di giornata. Seb, infatti, crede che la Ferrari deve ancora crescere in alcune aree, anche se pensa che potrà dire la sua per il titolo iridato: “Non siamo i favoriti. La Mercedes sembra essere in una posizione abbastanza comoda. Siamo una squadra forte e possiamo reagire. Non c’è panico, sappiamo in cosa dobbiamo migliorare”.

Antonio Russo

Vettel (Getty Images)
Vettel (Getty Images)