Sebastian Vettel porta la Ferrari in testa alla classifica ed è soddisfatto del miglioramento della velocità in curva. Ma sui pronostici non si sbilancia

Sebastian Vettel ai test F1 di Barcellona (Foto Ferrari)
Sebastian Vettel ai test F1 di Barcellona (Foto Ferrari)

La Ferrari ha mostrato gli artigli, ha finalmente spinto al massimo la sua SF1000 e si è presa il miglior tempo nella penultima giornata di test F1 a Barcellona. Ma, almeno a parole, Sebastian Vettel continua a predicare cautela.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Sì, la nuova monoposto è migliorata rispetto alla precedente, soprattutto in curva, dove il carico aerodinamico aumentato ha accresciuto la stabilità e la velocità. Ma il vento registrato oggi sulla pista del Montmelò non consente, secondo il campione tedesco, di tracciare ancora un bilancio chiaro dei rapporti di forza.

“Siamo parecchio più veloci in curva, ma questa non è una giornata buona per fare confronti con l’anno passato”, mette le mani avanti il quattro volte iridato. “Le condizioni non sono quelle giuste. Spero che domani ci aspetti una giornata più pulita per poterci chiarire le idee. Ogni anno è un po’ diverso, e la Mercedes in qualifica nel 2019 fu più veloce che in questo test, perciò questi dati non ci dicono molto, ma qualcosa sì”.

Leggi anche —> Questa è la vera Ferrari! E in Mercedes ormai è allarme affidabilità

Vettel non si sbilancia sulle prestazioni Ferrari

L’andamento delle prove odierne dà comunque soddisfazione a Vettel: “Penso che abbiamo provato un po’ di tutto, ma nei test non si mostrano mai tutte le carte che hai in mano. Lo fai solo quando gli altri non guardano o non possono leggere i giri. Oggi le condizioni non erano ideali, per via del vento intenso, che rendeva scomoda la guida, perciò non è stata la giornata migliore per la lettura dei tempi. Ma non abbiamo riscontrato problemi, anche se la bandiera rossa non mi ha aiutato a mettere alla prova la macchina. Charles domani avrà lo stesso programma (simulazione di qualifica al mattino e di gara al pomeriggio, ndr) e spero che incontri condizioni migliori per poterci dare un riscontro più preciso”.

Quando gli si chiede un pronostico sull’inizio di stagione, però, Seb respinge la domanda al mittente: “In sei giorni di prove abbiamo visto qualcosa, sappiamo più o meno a che livello siamo, ma in Australia le cose potrebbero andare molto diversamente”, spiega. “Sarà solo dopo le prime due o tre gare che capiremo davvero a che punto stiamo. Per ora non siamo arrivati tutti i giorni in cima alla classifica, quindi probabilmente non siamo i favoriti, ma aspettiamo Melbourne”.

Leggi anche —> Binotto ha già il verdetto: “La Ferrari non vincerà in Australia”

Sebastian Vettel ai test F1 di Barcellona (Foto Ferrari)
Sebastian Vettel ai test F1 di Barcellona (Foto Ferrari)