Leclerc si esalta per le prestazioni della SF1000. Ma non è troppo presto?

Charles Leclerc si è detto convinto che con la SF1000 la Ferrari abbia raggiunto il suo obiettivo. Ma non è prematuro tirare certe conclusioni?

Charles Leclerc (©Getty Images)

A volte un po’ di sana cautela alla Raikkonen è ciò che ci vorrebbe, ma forse il Principino della Rossa la vede diversamente. Sebbene dopo quattro giorni e mezzo di test al Montmelo non si sia praticamente mai vista, magari volontariamente per adottare  un atteggiamento opposto a quello aggressivo che nel 2019 alla fine non le portò fortuna, la Rossa sprizza di ottimismo.

In particolare il monegasco ha definito l’attuale monoposto come un importante passo avanti rispetto alla vecchia SF90 portandone alla luce alcuni punti forti che, a suo avviso, potrebbero premiarla in sede di GP.

“Il tracciato di Barcellona è molto tecnico, specialmente nel terzo settore dove sono racchiuse buona parte delle curve. Ed è proprio qui che siamo migliorati. Adesso sento di poter spingere molto più a fondo. Al momento la velocità nei cambi di direzione è la nostra forza principale. Abbiamo senz’altro raggiunto il target che ci eravamo posti”, ha proclamato gongolante.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

Pur riconoscendo che né Mercedes, né Red Bull hanno scoperto le loro carte, così come non si possa fare una valutazione completa del valore della macchina, Leclerc ha sposato la strada della fiducia. In realtà dati alla mano, la vettura di Maranello ha ad oggi segnato qualche crono interessante soltanto se aiutata da gomme più soffici.

Al contrario le Frecce d’Argento si sono mostrate da subito competitive soprattutto con la mescola più dura, ovvero quella che tiene sulla distanza. ma è meno adatta ai temponi. Già soltanto questo elemento dovrebbe far dubitare il Cavallino.

In fin dei conti, dodici mesi fa avevamo assistito a qualcosa di analogo. Anche allora il team tedesco aveva privilegiato le coperture più hard accumulando il massimo possibile di chilometri.

Leggi anche —> Leclerc e la Ferrari nascondono qualcosa: “Pensiamo solo a noi”

Mattia Binotto e Charles Leclerc ai box nei test F1 di Barcellona (Foto Studio Colombo/Ferrari)
Mattia Binotto e Charles Leclerc ai box nei test F1 di Barcellona (Foto Studio Colombo/Ferrari)

Chiara Rainis