Scott Redding: “Marc Marquez? In passato lo odiavo”

Scott Redding parla del suo passato, del suo stile di vita e della nuova avventura in Superbike. E rivela qualche curioso retroscena.

Scott Redding
Scott Redding (getty images)

Scott Redding, dopo aver vinto il titolo BSB, affronta una nuova sfida nel WorldSBK con Ducati. Ma prima di arrivare a questo traguardo il britannico è stato il protagonista del BSB e in MotoGP, per il suo modo di guidare e il suo stile di guida.

Sicuramente è uno di quei piloti che sfuggono agli schemi. Ovunque vada diventa il protagonista delle sue azioni sia all’interno che all’esterno dei circuiti. Spavaldo, divertente, sempre pronto alla sfida: “Se ho accettato questa sfida, è perché so di poterla vincere”. Nei panni del pilota MotoGP si è quasi sentito chiuso in gabbia, costretto a certi conformismi che poco si adattavano al suo stile di vita. “Non potevo mai mostrare il mio personaggio. Quando sono arrivato nel paddock della MotoGP all’età di 15 anni, abbiamo guidato gli scooter fino a mezzanotte, facendo cose stupide e festeggiando. Ma la gente non poteva saperlo, perché avrebbe pensato che non fossi un professionista. Ma non me ne frega niente. In MotoGP, mi dicevano cosa fare, quali pantaloni e camicia indossare, ma non mi importava”.

Il passato nel Motomondiale

Prima ancora di approdare in classe regina ha militato in Moto2, di cui ricorda le sfide con l’astro nascente Marc Marquez. “Marquez? In passato lo odiavo, ma ora siamo molto amici”. Dopo aver superato il Campionato mondiale MotoGP, Scott Redding ha cambiato aria ed è approdato al BSB. “Riesci a immaginare cosa sarebbe successo se non avessi vinto quella gara dopo aver fumato una sigaretta prima della partenza? Avrei sentito così tante parole sul fatto che io sia un professionista o meno”.

Leggi anche —> Superbike, Redding pronto a sfidare Rea: “Nato per combattere”

Tuttavia, il pilota della Ducati è concentrato sul nuovo impegno nel Mondiale di SBK, ma rimane lo stesso della MotoGP e della BSB. “Ora che inizio questa avventura in Superbike, voglio far conoscere la mia personalità”, ha concluso Scott Redding a Speedweek.com, “anche se il mondo delle due ruote si sta avvicinando alla Formula 1”.

Scott Redding Superbike
Scott Redding (Getty Images)