Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, smentisce che la sua Ferrari stia nascondendo il suo vero potenziale: “Abbiamo solo cambiato approccio”

Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, nel paddock di Barcellona durante i test F1 (Foto Charles Coates/Getty Images)
Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, nel paddock di Barcellona durante i test F1 (Foto Charles Coates/Getty Images)

Continua il gioco dei rimpalli tra la Mercedes, che continua ad essere considerata la vettura da battere anche in vista del Mondiale 2020, e la Ferrari, accusata dagli avversari di fare pretattica. Un sospetto che il team principal Mattia Binotto smentisce categoricamente, sostenendo che la sua squadra non ha nascosto le sue reali prestazioni effettive.

-> Per restare aggiornato sulle ultime notizie di F1, MotoGP e Superbike CLICCA QUI

“Dall’esterno sembra che stiamo facendo questo, ma non è così”, ha insistito. “Credo che in realtà ci siamo semplicemente concentrati su noi stessi, a capire la vettura, correlare i dati con quelli che abbiamo raccolto in fabbrica”.

Leggi anche —> Ferrari come la volpe e l’uva, gioca a snobbare la Mercedes

Binotto: “Nessun gioco, ma un cambio d’approccio”

Insomma, non è per sviare i rivali, ma per sviluppare meglio la SF1000 che il Cavallino rampante non ha fatto caso a staccare tempi veloci sul giro ed è scivolata indietro in classifica. “Nella prima settimana di test ci siamo concentrati proprio sulla comprensione della vettura”, conferma Binotto. “Questa settimana sarà un po’ diversa: oggi abbiamo iniziato a lavorare sull’ottimizzazione degli assetti, nei prossimi giorni cercheremo di spingere di più sulle prestazioni per capire il nostro livello”.

Il motivo di questo cambiamento di atteggiamento è semplice da spiegare: “Alla fine vogliamo sempre cercare di migliorarci”, ha chiarito l’ingegnere italo-svizzero. “Abbiamo commesso degli errori l’anno scorso nell’approccio ai test, in particolare a quelli di affidabilità, di funzionalità e di comprensione della macchina. Siamo ancora una squadra giovane e per noi è importante migliorare: questo significa imparare le lezioni dal passato e adattarsi meglio. Ma non stiamo giocando a nessun gioco”. Nemmeno a nascondino, dunque…

Leggi anche —> Binotto: “DAS? Già c’avevamo pensato, ecco perché non l’abbiamo fatto”

Sebastian Vettel esce dai box da Barcellona durante i test F1 (Foto Ferrari)
Sebastian Vettel esce dai box da Barcellona durante i test F1 (Foto Ferrari)