Scott Redding è molto determinato per il campionato mondiale Superbike 2020. Il pilota Ducati avrà avversari forte coi quali confrontarsi, ma non ha paura.

Scott Redding
Scott Redding (foto Aruba Racing Ducati WorldSBK)

Scott Redding è pronto per il suo primo round nel campionato mondiale Superbike. Dopo il titolo BSB vinto nel 2019 e i test invernali, è carico in vista del suo debutto ufficiale in gara.

I due giorni di prove trascorsi in Australia gli hanno permesso di lavorare intensamente sul miglioramento del feeling con la sua Ducati Panigale V4 R. Soprattutto con le gomme deve trovare le giuste sensazioni, visto che nella British Superbike erano diverse. Il pilota del team Aruba Racing ha grande voglia di iniziare bene già dal weekend a Phillip Island.

Leggi anche -> Superbike, test Phillip Island: tempi e classifica day-2. Rea in testa

Superbike 2020, test Phillip Island: parla Redding

Redding in un’intervista concessa a bikesportnews ha mostrato di essere entusiasta per l’inizio del campionato Superbike 2020: «Sono nato per combattere, questa è la cosa principale. È questo che mi piace delle corse. Anche Toprak combatte duramente, van der Mark, Rea, quindi se ci sarà una battaglia sono disposto a partecipare alla battaglia. È meglio che prendere dieci secondo e girare attorno».

Anche se è un rookie in WSBK, il britannico è il pilota Ducati più veloce in questo inverno e ciò gli fa piacere: «Sono felice di essere la Ducati più veloce. Questo è il primo obiettivo. La prima cosa è battere il compagno di squadra, la seconda è essere il più veloce sulla stessa moto. Forse io sto superando certe cose meglio di altri ragazzi».

Redding durante i test non si è preoccupato granché dei tempi dei colleghi, anche perché sono le gare ad esprimere i valori reali: «A volte devi solo concentrarti su quello che stai facendo e non perderti troppo in quello che fanno gli altri. L’ho fatto attraverso tutti i test. Tutti i produttori fanno strategie diverse. Ho tenuto d’occhio un paio di ragazzi per vedere cosa stanno facendo, solo per ottenere informazioni».

Il campione BSB 2019 è contento di iniziare il campionato dall’Australia, visto la pista è di suo gradimento: «Quello di Phillip Island è uno dei miei circuiti preferiti. Trovo che i dossi siano piuttosto aggressivi qui, non so se gli altri ragazzi si siano lamentati. Comunque è divertente, mi è piaciuto molto guidare questa moto perché penso posso spingere».

Scott Redding Superbike
Scott Redding sogna di vincere il Mondiale Superbike dopo il trionfo nella British Superbike (Getty Images)