Superbike, Rea: “Migliorato rispetto al 2019”. Chi potrà batterlo in Australia?

0
49

Jonathan Rea complessivamente contento dopo il test Superbike in Australia. Il Kawasaki Racing Team WorldSBK ha lavorato bene in vista del primo round.

Jonathan Rea Superbike
Jonathan Rea (foto Kawasaki Racing Team WorldSBK)

Jonathan Rea ha chiuso in vetta l’ultimo test Superbike del pre-campionato. Il cinque volte iridato è sicuramente il favorito in vista del primo round che si correrà nel weekend proprio in Australia.

Nel team Kawasaki WorldSBK è stato svolto un grande lavoro in vista della gare gare, dato che il nord-irlandese non vuole farsi sorprendere dagli avversari. Anche se lui è davanti a tutti, ci sono piloti che ambiscono a fargli uno sgambetto a Phillip Island e vuole essere preparato a ogni scenario. L’ultima volta che ha vinto lì risale al 2017, visto che negli ultimi due anni i trionfi sono andati a Marco Melandri e Alvaro Bautista.

Leggi anche -> Superbike, test Phillip Island: tempi e classifica day-2. Rea in testa

Superbike 2020, test Phillip Island: i commenti di Rea

Jonathan Rea ha fatto il punto della situazione dopo i due giorni di test Superbike in Australia: «Ci ​​siamo occupati di varie cose, ma non abbiamo eseguito una simulazione di gara. Qui la Kawasaki funziona in modo molto intuitivo – ha dichiarato a Speedweek -. Rispetto a un anno fa, durante il test sono stato in grado di guidare le curve come volevo. Ci siamo concentrati su come migliorare nell’ultimo settore e l’abbiamo fatto. Dalla curva 10 all’11 gestisco meglio l’uscita, in modo da poter prendere l’ultima curva in modo ottimale. Dobbiamo ancora lavorare un po’ sulla bilanciamento venerdì prossimo, ma nel complesso è stato un test positivo.»

Al cinque volte del mondo SBK è stato domandato chi immagina possa essere il suo rivale nel weekend di gara a Phillip Island: «Van der Mark fa buona impressione in assetto da gara. Penso che dovrei osservarlo più di tutti. Certo, ci sono molti piloti veloci, ma non conosco il loro piano di test. Alcuni bruciano le gomme per impostare tempi veloci. Con altri come van der Mark puoi vedere nelle liste dei tempi che lavorano per la gara come facciamo noi».

Rea nel complesso sente di essere in una buona condizione tecnica e indica in Michael van der Mark il pilota da tenere d’occhio. In Kawasaki dovranno anche pensare ad aiutare Alex Lowes, oggi solo dodicesimo e bisognoso di fare progressi per fare un weekend da protagonista.

Jonathan Rea Alex Lowes Superbike
Jonathan Rea e Alex Lowes (foto Kawasaki Racing Team WorldSBK)